in

Il Santo del giorno 31 maggio: Santa Camilla Battista da Varano

Il Santo di oggi, 31 maggio 2019, è Santa Camilla Battista da Varano. Camilla Battista da Varano è stata una religiosa, mistica e umanista italiana. Il nome Camilla deriva dal cognome latino Camillus. Presso i romani, il camillus e la camilla erano fanciulli di condizione libera che assistevano il sacerdote durante i riti sacri. Il nome è diffuso in tutta Italia, con maggiore concentrazione al nord, in particolare in Lombardia. Il suo martirologio romano recita: «A Camerino nelle Marche, beata Battista (Camilla) Varano, badessa del monastero delle Clarisse fondato da suo padre, che sperimentò grandi sofferenze e mistiche consolazioni».

Leggi anche –> Il Santo del giorno 30 maggio: Santa Giovanna d’Arco

La vita di Santa Camilla

Santa Camilla nacque a Camerino il 9 aprile del 1458. Suo padre era il signore della città. La giovane Camilla studiò il latino, lesse i classici, imparò a dipingere, ad andare a cavallo, a suonare e a ballare. Camilla crebbe con un carattere forte e vivace nel pieno lusso della vita di corte. Santa Camilla era destinata a un matrimonio di nobile convenienza, ma la sua vita assunse una direzione imprevista. Fu presto affascinata dalla predicazione dei Frati Minori. A ventitré anni, superando l’opposizione del padre, entrò nel monastero della monache clarisse di Urbino. Il padre, per poter riavere vicino la figlia, fondò un monastero di clarisse a Camerino. Nel 1484 suor Camilla tornò a Camerino assieme ad altre sorelle portando sulle spalle una croce di legno tuttora custodita nella cripta del monastero. Ebbe singolari esperienze mistiche, delle quali troviamo tracce nei suoi numerosi scritti. Morì a Camerino il 31 maggio 1524.

Il culto di Santa Camilla

Il 7 aprile 1843 Gregorio XVI approvò il culto di Santa Camilla, mentre il 19 dicembre 1878 Leone XIII ordinò di riaprire il processo di canonizzazione. Santa Camilla venne canonizzata da Benedetto XVI il 17 ottobre 2010.  Attualmente le sue spoglie sono custodite ed esposte al culto nella cripta a lei dedicata nella chiesa del monastero di Santa Chiara. Importanti sono le sue opere letterarie del XV secolo, sia in prosa che in versi, sia in volgare che in latino. Tra le opere meritano attenzione: la Vita spirituale, ossia la sua autobiografia, I dolori mentali di Gesù, Istruzioni al discepolo, Del felice transito del beato Pietro da Mogliano e il Trattato della purità del cuore. Il contenuto delle sue opere è la vita mistica da lei vissuta, in cui centrale è la passione di Cristo, descritta con doti da vera monaca-umanista.

Leggi anche –> Il Santo del giorno 29 maggio: Sant’Orsola Ledochowska

Elton John malattia: annullato il concerto di questa sera all’Arena di Verona

Sciopero Gtt Torino oggi: orari e fasce protette