in

Il sesto senso esiste: la scienza lo ha dimostrato

Grazie a uno studio condotto dalla ricercatrice Marwa El Zein e il suo team dell’Istituto Francese di Sanità e Ricerca Medica e della Scuola Normale Superiore di Parigi, sono giunti alla conclusione che il sesto senso, come noi lo conosciamo, esiste davvero.

Durante l’esperimento, i ricercatori sono riusciti a identificare le aree del cervello specifiche di questa capacità. Sono zone dedicate alla percezione di una situazione di pericolo e variano a seconda dell’individuo. Nelle persone molto ansiose, infatti, il cervello elabora la situazione di pericolo nell’area dedicata all’azione, mentre negli individui più tranquilli è processato nell’area dedicata alla mimica facciale. Durante lo studio, i ricercatori sono riusciti anche a identificare la tipologia di viso in grado di elargire il segnale d’allarme. È stato condotto un esperimento su 24 volontari e dai dati emersi i ricercatori sono arrivati a concludere che un viso il cui sguardo è puntato su di noi o la cui espressione presenta una situazione di rabbia, può mettere in stato di allerta il nostro cervello.

La dottoressa Marwa El Zein, infatti, ha spiegato: “In una folla sarete più sensibili a una faccia arrabbiata che sta guardando verso di voi, mentre presterete meno attenzione a un viso che, pur accigliato, sta volgendo lo sguardo altrove“. Per gli studiosi, il sesto senso relativo alle situazioni di pericolo è solo un residuo dell’evoluzione, un lascito dei nostri più lontani antenati, in un’era in cui l’uomo viveva ancora assieme ai suoi predatori e riconoscere il terrore sul viso di un suo simile gli consentiva di individuare il pericolo e salvarsi.

Photo Credit: Olly/Shutterstock.com

Borse di studio in Italia e all'estero 2016

Borse di studio all’estero e in Italia 2016: disponibili 12.000 programmi di finanziamento

Palermo calcio: si pensa a Schelotto per la panchina