in ,

Il Sistema fiction Rai Uno anticipazioni quinta puntata 16 maggio 2016, chi salverà Alessandro?

Tutto pronto per gli ultimi due appuntamenti con “Il Sistema”, la nuova fiction di Rai Uno che finirà martedì 17 maggio 2016. Ma intanto, quali saranno le sorprese che Claudio Gioè e Gabriella Pession, protagonisti della fortunata serie trasmessa sul principale canale della Rai, ci riserveranno nella giornata di oggi, 16 maggio 2016, in occasione della quinta e penultima puntata? Come abbiamo visto sul finire dell’appuntamento di settimana scorsa, dopo aver scampato il pericolo Daria, il Maggiore Alessandro Luce ha dovuto fare un viaggio in Turchia dove, per una serie di eventi, sembra essere stato scoperto da uno degli uomini del “Rosso”.

TUTTO SUL MONDO DELLA TV CON URBANPOST!

Antonio Catania, terzo personaggio principale de “Il Sistema”, ha così rapito Claudio Gioè, ovvero Alessandro Luce, maggiore della Guardia di Finanza infiltratosi nell’organizzazione criminale per poter dare un volto all’omicida di suo fratello, Raoul. Durante l’operazione, però, Alessandro se la vedrà davvero brutta essendo rapito dal “Rosso” che vorrà capire davvero chi lui sia e qual è la sua reale identità. Nella quinta puntata de Il Sistema, in onda questa sera 16 maggio 2017, altro protagonista sarà l’avvocato Alcamo che, venuto a conoscenza di un’operazione della Guardia di Finanza, riuscirà a darsi alla fuga non facendosi trovare.

Alessandro, dopo essere riuscito a sfuggire dalle grinfie del Rosso e dalle sue torture, sarà l’amo giusto per incastrare l’avvocato Alcamo: quest’ultimo, infatti, vorrebbe sfruttare Claudio Gioè per rifugiarsi all’estero ma, quando il maggiore Luce riuscirà a incastrare l’avvocato Alcamo interverrà “Regina” che lo fredderà prima che possa dare importanti indicazioni su Carparelli, alias Ninni Bruschetta.

Concerto Radio Italia 2016 cantanti: gli artisti che saliranno sul palco di Milano

Old Trafford Manchester United falso allarme bomba

Manchester allarme bomba, stadio evacuato “per errore”: “L’ordigno era un falso”