in

Il video degli scontri al concerto del Primo Maggio 2013 a Napoli

Napoli, concerto del Primo Maggio 2013 alla Città della Scienza, a Bagnoli, recentemente bruciata da un devastante incendio. Qui si sta svolgendo la manifestazione dei Sindacati unitari per la festa dei lavoratori, ma a poche centinaia di metri ci sono altri lavoratori e disoccupati che manifestano, ma non hanno alcuna voglia di festeggiare.

Alcune decine di giovani appartenenti all’area dei Centri Sociali ha cercato ad un certo punto di salire sul palco, per prendere la parola, gridando slogan contro lo scandalo dell’area di Bagnoli, oggetto di una recente inchiesta della Magistratura, «chi ha inquinato deve pagare» hanno urlato.

Gli addetti alla sicurezza dei Sindacati hanno tentato di calmare gli animi, ma senza successo. Sono dovuti intervenire gli agenti di polizia presenti e si sono verificati alcuni tafferugli per fortuna senza conseguenze. Il concerto è stato comunque interrotto per motivi di sicurezza.

Un gruppo di lavoratori aderenti ai Cobas è arrivato poi nei pressi dell’area del concerto, presidiata dagli agenti della polizia, girando slogan contro i Sindacati unitari, “vergogna” si sente più volte echeggiare. La segretaria campana della Uil, Anna Rea, ha tentato una mediazione, cercando di convincere i manifestanti a lasciare l’area del concerto con la promessa di un intervento dal palco.

Nulla da fare e concerto sospeso per motivi di sicurezza. Insomma, festa rovinata dalle tensioni e dalle contrapposizioni tra gli stessi lavoratori. Un brutto 1° maggio 2013 per Napoli.

Ecco la documentazione video degli scontri.

Come lavorare nell’ambasciata italiana all’estero

Ocse: l’Imu non è priorità, prima togliere tasse sul lavoro