in

Ilary Blasi parla di matrimoni e selfie: comprensione per Buffon e Pirlo, critiche per Belen

Sulle pagine del settimanale Chi questa mattina è apparsa una lunga e sentita intervista alla bella Ilary Blasi, protagonista di un sincero e amaro sfogo riguardo l’attuale situazione sentimentale di molti colleghi calciatori del marito Francesco Totti. Stufa di essere presa in causa solamente per il gossip calcistico, la conduttrice de Le Iene ha rivelato che dietro alle apparenze, albergano molte sofferenze e situazioni difficili, come quelle di Gigi Buffon e Andrea Pirlo.

la blasi ne ha per tutti, critiche a Pirlo, Buffon e Belen

“In altri casi, mi sarei interessata ma per queste separazioni ci sono rimasta male. Mi è dispiaciuto, sono stata colpita. Sarà che loro li sento più vicini e che ci sono di mezzo dei bambini, ma ho sentito il dolore che si stava generando “E’ una lezione per chi giudica per sentito dire. Mentre tutti erano impegnati ai nostri ‘tradimenti’, alle ‘crisi’ e ai ‘figli in arrivo’, guarda cosa è successo a coppie di cui non si parlava mai. Sono abituata alle cattiverie, anche se, ogni volta, resto sorpresa“. Passando poi alle critiche verso le colleghe famose, la showgirl ha implicitamente fatto riferimento a Belen Rodriguez e in particolare alla moda dilagante di condividere tramite selfie sui social ogni istante della vita.

“Non ne posso più di questa moda dei personaggi famosi di apparire, di pubblicare le foto con i figli, il mare, il dentista, la palestra, il buongiorno e la buonanotte. Non voglio fare nomi, ma non capisco il fenomeno. Tolgono il lavoro ai fotografi e anche alla pubblicità. Anziché fare una campagna, un marchio oggi  può regalare i vestiti a qualche personaggio che li promuove indossandoli negli autoscatti. Sarà più diretto ed economico, ma così si impoverisce un mercato già penalizzato dalla crisi e si riducono i posti di lavoro“.

foto shock

Foto shock: cane ucciso a bastonate e con pietre in Valcamonica

salento vacanze 2014

Cani randagi aggrediscono una donna a Roma nel parco regionale della Marcigliana