in

Ilary Blasi pensa al terzo figlio, ma ammette: “chi me lo fa fare di ricominciare?”

In questi ultimi tempi il mondo del calcio è stato letteralmente preda dei gossippari più che degli intenditori di sport, anche dopo le recenti delusioni al mondiale di Brasile 2014. E se coppie in apparenza inossidabili come Buffon e la Seredova, o Pirlo e la Roversi si sono detti ufficialmente addio, c’è sempre qualcuno che vive in controtendenza e procede nella tranquillità di chi non teme le tentazioni o i rischi del mestiere. Fin da subito una delle coppie più amate ed invidiate, Ilary Blasi e Francesco Totti sono sempre più affiatati ed innamorati, nonostante le malelingue paventino venti di crisi ad intermittenza, tanto che la conduttrice storica de Le Iene Show sta pensando ad un terzo figlio.

Ilary Blasi e Francesco Totti allargano la famiglia

In realtà la Blasi, intervistata dal settimanale Chi, ha rivelato che l’idea del terzo figlio è ancora piuttosto confusa, anche se ammette che non è certo un’utopia, ma sulla questione ha raccontato un curioso aneddoto: “L’ha detto in un’intervista andata in onda alla una di notte, mentre dormivo. La mattina dopo mi sono svegliata e, appena ho acceso il telefono, tutti mi facevano le congratulazioni. Ho pensato: ‘Oddio, cos’è uscito stavolta?’. E poi ho capito che avevo il ‘nemico’ in casa, era stato l’ennesimo scherzo di Francesco. Lo fa apposta a mettermi in difficoltà, a sentire lui dovremmo già essere al quinto figlio“, ha svelato la conduttrice, che ha poi messo in tavola le carte ed ha ammesso: “sono combattuta fra due pensieri. Il primo è che ho avuto due figli a distanza di poco tempo e, adesso che sono cresciuti, chi me lo fa fare di ricominciare? Dall’altro penso che, in questo momento, potrei godermi l’arrivo di un figlio in maniera diversa, e sarei tentata. La mia parte razionale mi dice ‘basta’, quella irrazionale dice ‘buttati’“.

E sulle note vicende che hanno interessato le due star della Juventus, Ilary Blasi ha confessato: “In altri casi non mi sarei interessata, ma per queste separazioni ci sono rimasta male: mi è dispiaciuto, sono stata colpita. Sarà che loro li sento più vicini e che ci sono di mezzo dei bambini, ma ho sentito il dolore che si stava generando“.

Saint-Exupery a settanta anni dalla morte

Saint-Exupéry autore de “Il Piccolo Principe” indimenticabile mito a 70 anni dalla morte

L'Unita chiude

Editoria, l’Unità chiude i battenti: in edicola ancora per pochi giorni