in ,

Immigrazione: soccorsi a Palermo oltre 1000 profughi, un corpo dilaniato dagli squali

Continua l’emergenza immigrazione nelle coste della Sicilia. Nella notte è approdata a Palermo una nave con a bordo circa 1169 profughi, tra cui donne e bambini, nella maggior parte somali, eritrei e qualche siriano, soccorsi dalla nave “Gregoretti” della Guardia Costiera. Le operazioni di sbarco si sono rivelate più difficili del solito, anche per via della identificazione dei minori a bordo non accompagnati.

Sempre più disagi per la Prefettura di Palermo che sta coordinando le operazioni: è emergenza per l’insufficienza delle strutture di accoglienza. Nel complesso, sono circa 1558 i migranti tratti in salvo negli ultimi giorni, compresi quelli sbarcati ieri a Pozzallo. Sale anche il bilancio delle vittime: 9 cadaveri sono stati recuperati ieri, morti a causa del rovesciamento del barcone che li trasportava; un decimo corpo è stato ritrovato su un gommone.

Intanto la polizia di Stato di Ragusa ha fermato il presunto scafista dello sbarco di ieri a Pozzallo. All’uomo viene contestato il reato di favoreggiamento dell’ immigrazione clandestina e anche la morte di un altro migrante, deceduto durante la traversata per aver esalato benzina rovesciata sull’imbarcazione dalla mareggiata. Il suo corpo senza vita sarebbe stato gettato in mare e poi dilaniato dagli squali.

startup italia

Startup Italia innovative, ItforItaly l’app che riconosce i prodotti contraffatti

assunzioni scuola 2015

Riforma scuola 2015: ecco le regioni dove avverranno più assunzioni di insegnanti