in ,

Incendi, giovanissimi piromani fermati a Montalto di Castro: “Una bravata”

L’Italia brucia. In sole due settimane sono andati in fumo l’equivalente di ettari che ha preso fuoco nel 2016. E i roghi non sembrano destinati a fermarsi. Gli incendi – l’ultimo di queste ore in Sicilia – sta causando parecchi disagi anche per quanto concerne la viabilità. Quotidianamente si registrano rallentamenti a Roma lungo il GRA e nella giornata di ieri diverse uscite dell’A1 sono state chiuse a causa dei roghi.

>>> Trapani: rogo alla Riserva naturale dello Zingaro <<<

Intanto, però, quattro giovanissimi sono stati fermati a Montalto di Castro. I carabinieri, nella giornata di ieri, sono stati allertati per del fumo proveniente dal bosco di pini e cerri costeggiante la SP Litoranea; intervenuti sul posto, hanno individuato 4 amici, un 21enne e tre 16enni, tutti provenienti da Roma Capitale, mentre davano alle fiamme il terzo rogo dopo averne appiccato altri due a poca distanza.

Grazie al rapido intervento dei Vigili del Fuoco e dell’antincendio della locale Protezione Civile, le fiamme sono state immediatamente arginate e spente pur danneggiando 250 mq di macchia mediterranea interessando anche alberi di alto fusto. I Carabinieri di Montalto di Castro al termine degli accertamenti hanno evidenziato la piena responsabilità dei quattro. I giovani hanno ammesso il reato giustificando la loro condotta in una bravata. Il maggiorenne veniva arrestato mentre i minori deferiti alla Procura di Roma, tutti per il reato di incendio doloso.

Trapani, divampa rogo nella Riserva dello Zingaro: fiamme da 24 ore

Migranti in Usa: trovati 8 cadaveri in un camion