in ,

Infermiera di Piombino intervista a Quarto Grado: “Mai dimenticherò il trauma del carcere”

L’infermiera Fausta Bonino libera dopo 21 giorni di carcere, arrestata con l’accusa di avere cagionato il decesso di 13 pazienti dell’ospedale di Piombino, dove prestava servizio, con dosi eccessive di eparina. Scarcerata per insufficienza di prove, l’infermiera si sta pian piano riappropriando della sua vitae libertà.

Stasera è stata ospite in studio a Quarto Grado, ed è stata intervistata da Gianluigi Nuzzi, al quale ha rivelato tutte le difficoltà nel tornare alla ‘normalità’: “Ora sto bene, mi sto riprendendo, ma non dimenticherò mai la terribile esperienza del carcere … Ho paura di uscire, di essere riconosciuta dalla gente. Appena mi hanno scarcerato la gente mi riconosceva e miguardava in modo in strano … ero stata sbattuta in prima pagina e dipinta come un mostro”.

Fausta Bonino vorrebbe tornare a lavorare, anche se non nasconde la paura: “In questo momento non me la sntirei nemmeno di fare una puntura ad un malato, avrei paura. No so come riuscirò a riprendere il mio lavoro …ancora non sono nemmeno sicura di esserne uscita fuori al 100%”.

La Procura infatti è certa della sua colpevolezza, e ha disposto nuovi accertamenti per trovare altre prove a suo carico, intenzionata a rinviarla a giudizio. “Io sarei anche felice di andare a processo” – ha ammesso l’infermiera a Nuzzi che le poneva le domande – “per dimostrare che non ho fatto nulla. Se non se le inventano prove contro di me non ne troveranno, perché io non ho fatto nulla”. “L’esperienza più traumatizzante del carcere? Il giorno del mio arresto. Mi hanno fatto denudare, come da prassi, ho dovuto fare delle flessioni … è stato umiliante, un trauma che non potrò mai scordare”.

guerrina piscaglia news

Guerrina Piscaglia, a Quarto Grado le parole di una testimone: “Padre Gratien la spogliò con gli occhi”

capodanno nozze depp heard

Johnny Depp vs Amber Heard: ecco la foto della violenza che ha causato l’ingiunzione restrittiva