in ,

Infermiera killer condannata all’ergastolo: “Daniela Poggiali si compiaceva di dare la morte”

“Daniela Poggiali uccise ‘per sfida’, compiacendosi di dare la morte ai pazienti”, queste le aberranti accuse del pg durante la requisitoria finale nei confronti dell’ex infermiera dell’ospedale Umberto I di Lugo di Ravenna, sabato scorso condannata all’ergastolo con l’accusa di avere ucciso, iniettandole una dose letale di potassio la mattina dell’8 aprile 2014, la paziente 78enne Rosa Calderoni.

La condanna della Corte d’Assise di Ravenna è stata molto dura nei confronti della imputata 44enne, che era presente in aula, imperturbabile, durante la lettura della sentenza. Daniela Poggiali – che in sua difesa disse che il decesso di numerosi pazienti avvenuto durante i suoi turni in ospedale fosse dovuto a circostanze “sfortunate” – dovrà scontare l’ergastolo senza isolamento diurno. Non le è stata riconosciuta tuttavia l’aggravante dei motivi abbietti, ma la premeditazione sì.

Le indagini degli inquirenti a suo carico però non sono finite: sarebbero almeno altre 10 le morti sospette di pazienti nel reparto dell’ospedale Umberto I di Lugo dove la donna prestava servizio.

Probabili formazioni 11a Giornata Serie A

Serie A, il punto dopo la 29a giornata: Roma sei rinata troppo tardi, si infuoca la lotta salvezza

Stramaccioni shock: ‘La Grecia mi fa pena’