in

Infertilità maschile cause: tra i motivi anche indumenti stretti, alcol e sigarette

L’infertilità maschile nei giovani potrebbe diventare un grave problema nel prossimo futuro. Secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, il 15-20 per cento delle coppie combatte contro l’infertilità che, nel 35-40 per cento dei casi, deriva dall’uomo. Andrea Isidori, professore associato di Andrologia all’Università La Sapienza di Roma: “Tra i maschi nati nel 1979 e i nati nel 1987 il numero di spermatozoi morfologicamente normali si è ridotto del 25%, secondo uno studio di International Journal of Andrology“.

A sottolineare come l’infertilità maschile stia diventato un problema sempre più serio e meritevole di attenzione nel lungo periodo, vi sono anche i dati di un recente studio condotto sul New England Research Institute: in questo caso sono stati presi in esame i cinquantenni di oggi ed è stato riscontrato come i livelli di testosterone siano diminuiti del 10 per cento rispetto ai cinquantenni di trent’anni fa. Le conseguenze, inoltre, si ripercuotono anche sulla salute, sulle ossa, l’umore e i muscoli.

Quali sono, dunque, le cause principali dell’infertilità maschile? Secondo l’esperto “Alcol, fumo, sedentarietà e droghe sono responsabili di una riduzione fino al 10 per cento del volume del testicolo tra i giovani, con conseguenze a lungo termine. Tra i rischi, oltre a malattie sessualmente trasmissibili come l’Hpv, anche l’obesità. Mentre una dieta sana riduce il rischio di avere alterazioni nel liquido seminale di circa il 15 per cento. Indossando mutande strette tutte le notti, come dimostra uno studio su Human Reproduction si registra una riduzione degli spermatozoi fin quasi l’azzeramento“.

[dicitura-articoli-medicina]

Calciomercato Roma tutte le trattative

Diretta Chievo – Roma dove vedere in tv e streaming gratis Serie A

massimo bossetti motivazioni sentenza appello

Caso Yara, cognato Massimo Bossetti a Quarto Grado: “Lui capro espiatorio”