in

Influenza 2015: sintomi, durata e prevenzione

La fine di ottobre e l’inizio di novembre sono i periodi ritenuti più a rischio per contrarre l’influenza 2015 – 2016, e le stime prevedono che gli italiani colpiti saranno intorno ai 4 milioni. Già si iniziano a riscontrare i primi casi in Italia, primo fra tutti quello di un’anziana ricoverata nell’ospedale Sant’Orsola di Bologna, e il Ministero della Salute sta organizzando una campagna per la vaccinazione. Tra i sintomi più comuni troviamo il solito raffreddore, con naso otturato o che cola, dolori muscolari e stanchezza generalizzata. Anche l’emicrania può essere riscontrata spesso, insieme a febbre e tosse. In particolare l’influenza 2015 è spesso caratterizzata da disturbi gastrointestinali quali nausea, diarrea o vomito.

I virus responsabili di questi sintomi sono soprattutto l’A/H1N1, proveniente dalla California, e il nuovo ceppo A/H3N2, proveniente dalla Svizzera e la cui caratterizzazione specifica è in corso presso l’unità di Microbiologia di Bologna. La durata della convalescenza è prevista intorno ai 4-5 giorni, ma gli esperti consigliano di protrarre il periodo di riposo per circa 2 giorni. Se l’influenza dovesse presentarsi senza febbre e solo a livello intestinale è possibile che la durata sia inferiore, ma non bisogna sottovalutare la necessità di riposo per evitare di esporsi al rischio di ammalarsi nuovamente. Pare che i pazienti più a rischio di contrarre sintomi gravi siano anziani, soggetti che soffrono di malesseri cronici, e bambini, che tra i 4 milioni di ammalati italiani previsti saranno circa il 15-30%.

Da metà ottobre avrà inizio la campagna per la prevenzione, e l’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) ha già messo a disposizione un elenco dei vaccini che verranno impiegati. La copertura avrà inizio circa due settimane dopo la vaccinazione e sarà efficace per un periodo tra i 6 e gli 8 mesi. Gli esperti consigliano di sottoporsi ad immunizzazione all’inizio di ogni stagione influenzale, in quanto i ceppi virali possono cambiare e si può presentare il rischio di contrarre la nuova mutazione della malattia.

Photo Credit: www.BillionPhotos.com/Shutterstock

ricette anna moroni

Ricette Anna Moroni a La prova del cuoco: anelli di cipolla fritti

lavoretti fai da te halloween

Halloween 2015 bambini: lavoretti fai da te con le mamme