in ,

Influenza intestinale 2015 bambini: rimedi naturali per farli sentire meglio

Con l’arrivo dell’inverno, i bambini sono ancora una volta i più colpiti dall‘influenza intestinale poiché, avvenendo il contagio attraverso bocca, naso e occhi, sono molto più esposti. E’ facile infatti che mettano in bocca mani sporche o che si tocchino il viso, portando il virus nel loro corpo. Per prevenire sarebbe un’ottima abitudine far lavare loro le mani molto spesso, ma non sempre è sufficiente, specialmente essendo sempre a contatto con altri bambini a scuola o all’asilo.

Una volta presa l’influenza intestinale 2015, se per gli adulti basta fare qualche accorgimento sull’alimentazione e stare a riposo per alcuni giorni, i bambini soprattutto se molto piccoli devono essere monitorati con attenzione anche con l’aiuto del medico perché rischiano la disidratazione che presenta sintomi come sonnolenza, minzione ridotta, secchezza della mucosa orale o occhi con scarsa lacrimazione. La perdita di liquidi con vomito e diarrea e la mancanza di appetito possono infatti indebolire notevolmente i più piccoli.

Per questo motivo è importante che, malgrado la scarsa voglia di mangiare, passato il picco dell‘influenza intestinale, riprendano a bere il prima possibile: acqua, bevande calde ma non bollenti e un bicchiere di acqua e limone ogni mattina prima di colazione. Per quel che riguarda cosa mangiare è bene scegliere alimenti come riso e pasta in bianco, biscotti secchi e verdura bollita, nonché frutta come banane e limoni. Nel caso in cui i bimbi fossero ancora molto piccoli si può mantenere il latte nella dieta ma scegliendone uno ad alta digeribilità.

Credit Foto: Syda Productions / Shutterstock

Vittorio Sgarbi

Vittorio Sgarbi colpito da malore nella notte: ecco come sta ora

cibi che portano fortuna

Capodanno 2016 idee: 8 cibi da mangiare per augurarsi fortuna