in

Infortunio Mattiello: le reazioni di calciatori e giornalisti sul web

Oggi nelle quattro partite che si sono disputate in contemporanea sono state segnate oltre che dalla noia (tre pareggi, due di cui sullo 0-0) dall’infortunio di Federico Mattiello, difensore del Chievo Verona classe 1995 appartenente alla Juventus. Il giovane difensore è uscito in barella dopo un fallo bruttissimo di Radja Nainggolan, centrocampista belga della Roma. Per lui una grave diagnosi: rottura di tibia e perone e stop che si prevede sia lunghissimo.

Tantissimi i messaggi sui social di in bocca al lupo per Federico Mattiello che provengono sia da calciatori, che da giornalisti sportivi o allenatori. Claudio Marchisio scrive: “Mattiello ti stiamo tutti vicini. Ho appena visto le immagini… assurdo!” oppure Daniele Adani afferma: “Mattiello tornerai e sarai più forte di prima… nessun dubbio. Ti mando un abbraccio.” Nel campo del giornalismo scrivono Raffaele Auriemma: “Spero che Federico Mattiello torni presto in campo: a 20 anni e con una lunga carriera avanti. Ha bisogno del sostegno di tutti.” e Alfredo Pedullà: “Ho conosciuto Mattiello pochi mesi fa durante una goliardata con la Juve. Coraggio.” Intanto si è scusato anche l’autore del fallo Radja Nainggolan: “Mi dispiace tanto per ciò che è accaduto a Federico Mattiello in una normale azione di gioco. Tornerai più forte di prima. Ti aspetto un abbraccio. “

Anche noi di Urbanpost ci uniamo al coro e auguriamo una pronta guarigione al giovane talento del nostro calcio italiano Federico Mattiello.

Written by Vincenzo Mele

Nato a Napoli il 13 Agosto 1996, si è diplomato al Liceo Classico Adolfo Pansini, in Napoli. Attualmente frequenta la facoltà di Lettere moderne all'Università Federico II di Napoli. Giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei giornalisti della Campania. Si occupa di sport, tv e gossip.

Pippo Inzaghi

Milan News: Inzaghi a forte rischio idea Brocchi, questa sera vertice decisivo ad Arcore

Corrado Formigli

Piazzapulita La7 anticipazioni 9 marzo 2015: ospiti Giorgia Meloni, Rosario Crocetta e Carlo Cracco