in

Inghilterra, batterio killer: già 12 morti, attacca pelle e gola

Allarme in Inghilterra. Un super batterio è responsabile della morte di 12 persone. Un caso che rischia di assumere le dimensioni di una vera e proprio epidemia se non trattata in tempi brevi. Le autorità sanitarie hanno lanciato un appello: “Chiedi aiuto immediatamente se hai questi sintomi”.

inghilterra batterio

Inghilterra, I sintomi del batterio

L’allarme per questo batteria è scattato in Inghilterra dove sono stati registrati ben 32 casi di malattia. Il batterio è stato definito ti streptococco invasivo di gruppo A, iGAS. Circa un terzo delle persone diagnosticate col batterio è morto, ha detto il gruppo clinico di NHS Mid Essex.

I batteri prolificano nella gola e nella pelle e possono vivere abbastanza a lungo da far sì che si diffonda facilmente attraverso starnuti, baci o anche il semplice contatto con la pelle. Un portavoce di metro.co.uk ha detto oggi, giovedì 27 giugno 2019, che i sintomi che le persone dovrebbero cercare di riconoscere sono quelli dei “batteri in una ferita”. Afferma: «Se c’è una differenza in una ferita, quello potrebbe essere un sintomo. Esaminate i dolori addizionali, il rossore intorno all’esterno, il calore in eccesso o lo scarico dalla zona della ferita. Altri sintomi includono febbre o sensazione di malessere generale, stanchezza o perdita di appetito. Alcune persone potrebbero presentare uno solo sintomo».

inghilterra batterio

leggi anche: Come difendersi dal caldo africano: i consigli dei medici

Il parere degli esperti

Oltre a questi altri sintomi aggiuntivi potrebbero essere: mal di gola, ingrossamento dei linfonodi nel collo, tonsille dilatate, eruzioni cutanee, raccolte di pus sulle tonsille, minuscole chiazze rosse sul palato, mal di testa e dolori addominali. Le autorità sanitarie inglesi consigliano di andare subito al pronto soccorso se si nota la presenza di uno di questi sintomi. I medici generici possono quindi prelevare il sangue o tamponare l’area infetta per vedere se si è in presenza di un’infezione GAS.

Rachel Hearn, direttrice dell’assistenza infermieristica e di qualità, del gruppo clinico del Mid Essex Hospital, ha dichiarato che il suo pensiero in questo momento va alle famiglie delle vittime del batterio. Allo stesso tempo è abbastanza sicura di riuscire a tenere la situazione sotto controllo. Se preso per tempo, l’antibiotico sembra in grado di fermare il batterio killer e aggiunge che il rischio di contrarlo è molto basso per la maggioranza delle persone. Il dott. Jorg Hoffman, vice direttore della protezione della salute per PHE East of England, ha detto alla BBC: «Non posso negare che ci sia ancora un rischio in corso fino a quando non possiamo dichiarare che questa epidemia è finita».

Eleonora Pedron Instagram, erotica e sensuale in un angolino: «Vuoi farci male»

Bricocenter offerte di lavoro: nuove assunzioni a tempo indeterminato e stage In Italia