in

Inps news: per lavoratori autonomi e partite Iva novità in vista prima della loro fuga all’estero

Nel 2015 circa 1,3 milioni di lavoratori freelance e partita Iva scontenti della gestione separata dell’Inps dei loro contributi previdenziali potrebbero passare verso altre casse previdenziali più favorevoli. Non si tratta di dipendenti o pensionati che praticano il secondo lavoro né di rapporti di lavoro subordinati celati come cococò o cocoprò ma di un esercito di veri lavoratori autonomi. Il 21 gennaio a Milano, l‘Acta, una delle loro associazioni più agguerrite, ha tenuto un convegno con un titolo abbastanza chiaro: “Vuoi fuggire dalla gestione separata?”.

Si tratta di giovani lavoratori “autonomi puri” come: informatici, formatori, comunicatori, operatori del web o via telelavoro, creativi e consulenti di marketing. Alcuni di loro avrebbero già cominciato a trasferire la residenza all’estero dove ci sono regimi previdenziali e fiscali più favorevoli, così come accade già per le multinazionali. Anche figure professionali come ingegneri, architetti o psicologici rimasti fuori per scelta dai loro ordini professionali ora rivedono questa scelta iscrivendosi ai loro ordini.

Dopo gli inasprimenti dei Governi Prodi e Berlusconi è arrivata la mazzata della Riforma Fornero che ha aumentato progressivamente, dal 2013 al 2018 i contributi della gestione separata, dal 27, 72% del reddito al 33,72. Anna Soru, presidente di Acta, lamenta: “Di certo c’è che entro tre anni giungeremo poco sotto il 34% , cioè oltre un terzo del reddito, mentre gli artigiani a regime saranno attestati al 24%, quasi dieci punti in meno. E visto che a differenza di tutte le altre categorie del lavoro, solo la nostra non ha avuto benefici dal governo Renzi, ma anzi siamo stati tartassati sia sul piano previdenziale che fiscale, adesso abbiamo deciso di muoverci”. Questi lavoratori si sentono penalizzati non solo per la parte previdenziale, ma anche per il fisco ed hanno aperto un contenzioso con il Governo Renzi che dopo le proteste ha dovuto promettere: “Un intervento ad hoc nei prossimi mesi per le partite Iva”.

ce posta per te 2015

Sean Penn a C’è posta per te 2015: regalo per mamma Letizia

Loris Stival ultime news

Andrea Loris Stival: Veronica Panarello riceve la visita di sua madre in carcere