in

Inquinamento dell’aria in Italia: è record europeo di morti premature

Secondo le ultime stime, l’Italia è in cima alla lista dei paesi europei per quanto riguarda le morti premature dovute all’inquinamento dell’aria. L’Aea – Agenzia europea dell’ambiente – ha segnalato circa 84400 decessi dovuto all’inquinamento dell’aria nell’anno 2012, su un range di 491 mila persone.

Le cause individuate sono principalmente tre: il biossido d’azoto, l’ozono nello strato basso dell’atmosfera e le micro polveri sottili dei gas di scarico. Lo studio preso in esame ha evidenziato il numero di vittime premature in baso alle tre cause: per colpa del biossido d’azoto, infatti, le morti premature sono 21600. Per l’ozono della bassa atmosfera, 3300 vittime, mentre il tasso più alto si ha con le micro polveri sottili: 59200 morti premature.

L’area dell’Italia maggiormente colpita da queste stime è la Pianura Padana, soprattutto la regione Lombardia nelle zone di Milano, Monza e Brescia. Sempre al nord anche Torino è una delle città più colpite. Le concentrazioni di micro polveri sottili oltrepassano annualmente la soglia consentita dall’UE pari a 25 microgrammi per metro cubo d’aria. A seguire ci sono anche Venezia, Roma, Firenze, Napoli, Bologna e Cagliari se si considera la soglia ancora più bassa di 10 microgrammi per metro cubo d’aria.

Photo Credit: TT Studio/Shuttestock.com

Mary Kate Olsen si è sposata

Mary Kate Olsen si è sposata in segreto: il marito è il fratellastro di Nicolas Sarkozy

grande fratello news alessandro e lidia

Anticipazioni Grande Fratello 14: ci sarà il confronto fra Alessandro e Ramzi?