in

Insegnanti, lo stress da lavoro di cui si parla poco in Italia: l’allarme e le proposte

I primi ad effettuare uno studio approfondito sull’argomento sono stati la Francia nel 2006 e il Regno Unito, tra il 2009 e il 2012. Anche la Germania, adesso, scopre che il fenomeno dello stress da lavoro tra gli insegnanti è molto più comune di quanto ci piaccia pensare. Qualche mese addietro, infatti, alcuni medici tedeschi hanno focalizzato i loro studi sulla situazione mentale di alcuni docenti della Germania rilevando che questa categoria di persone sono più soggette a patologie del sistema nervoso molto più di tutti gli altri lavoratori. Per ovviare a questa critica situazione, la Francia ha messo a disposizione dei propri insegnanti, affiancato al medico di base, anche lo psichiatra di base, dando vita addirittura al Marcele Riviere, un centro ospedaliero riservato ai docenti malati, che sono sempre più.

Gli ultimi studi effettuati dalla Germania hanno evidenziato – stranamente – anche una maggiore propensione da parte degli insegnanti all’attività fisica, una vita condotta in maniera più sana e una dedizione al lavoro maggiore rispetto alle altre categorie. In sostanza, le assenze per malattia sono di gran lunga inferiori rispetto agli altri lavoratori. Al contrario di quanto si possa pensare, i cervellotici insegnanti svolgono una vita più sana, mostrando tassi di obesità, di malattie legate al metabolismo e di fumatori inferiori alle medie nazionali. Il principale problema, dunque, è quello legato allo stress: i soggetti studiati infatti, mostrano, sempre più spesso, sintomi come esaurimento psicofisoco, insonnia, mal di testa e aggressività. E in gran parte sono donne.

Lo studio effettuato lancia una fotografia allarmante e suggerisce una serie di interventi adeguati e pertinenti: mettere a disposizione una serie di esperti tra psicologi e psichiatri, così come già fatto in Francia. In Italia, invece, l’argomento è stato trattato per la prima volta nel 2004, quando il medico Vittorio Lodolo D’Oria si rese conto che le malattie psicologiche/nevrotiche tra gli insegnanti erano nettamente più diffuse in relazione a tutte le altre categorie. E il problema è più grave del previsto, ma al tempo stesso molto sottovalutato dal nostro Paese, visto ciò che afferma il dottor Lodolo D’Oria: “Non vengono inoltre effettuate ricerche scientifiche atte a individuare i fattori determinanti l’usura psicofisica dei docenti, né adottate misure di prevenzione e monitoraggio dello stress lavoro correlato nella categoria”.

Conclude lanciando una proposta al Governo per garantire una ‘Scuola in salute’: “Avviamo immediatamente e concludendolo entro 6 mesi uno studio retrospettivo degli ultimi 5 anni inerente gli accertamenti medici ai fini delle inidoneità al lavoro per causa di salute; presentiamo ogni anno le statistiche sui dati di salute degli insegnanti informando l’opinione pubblica e avviamo progetti di formazione per la prevenzione dello stress da lavoro correlato negli insegnanti nei singoli istituti scolastici, partendo dai dirigenti scolastici circa le proprie incombenze medico-legali“.

In apertura foto di Ollyy/Shutterstock.com

Formula 1 GP Messico streaming gratis

Formula 1, le pagelle della stagione: Hamilton ancora irraggiungibile, Vettel mai domo

esce album the wall 30 novembre 1979

30 novembre 1979: i Pink Floyd pubblicano “The Wall”