in ,

Inter, un mese da dimenticare: dallo stop con la Lazio alla sconfitta nel derby

La macchina perfetta di Roberto Mancini si è inceppata e probabilmente nemmeno l’allenatore di Jesi sa al momento su quale ingranaggio sia meglio intervenire per farla ripartire; non lo sa perché non c’è soltanto un problema che attanaglia i nerazzurri, usciti sconfitti ieri 3-0 nel derby con il Milan in una partita che a tratti sono anche riusciti a giocare ma dalla quale si sono lasciati inghiottire dopo il rigore sbagliato da Icardi.

Sul banco di imputazione sale innanzitutto l’argentino, accusato pubblicamente dallo stesso allenatore in occasione del match con il Carpi; oltre a Maurito c’è anche Jovetic, arrivato con i crismi del salvatore e di colui che avrebbe dovuto fare la differenza e invece troppo spesso fuori dal gioco ed evanescente. Scalando a centrocampo, è chiaro a tutti che Medel non può reggere da solo sulle spalle una squadra che vuole dominare in Italia; Melo è troppo discontinuo, tra squalifiche e prestazioni sottotono, ma soprattutto non ha le caratteristiche giuste per sopperire la dove il cileno non arriva. Kondogbia, pezzo pregiato del mercato ora è un oggetto misterioso relegato in panchina.

Poi c’è la difesa, prima punto di forza e ora spina nel fianco: il calo del duo Murillo-Miranda è evidente, così come la precarietà di Santon che anche ieri si è reso protagonista in negativo. Il nervosismo che si respira attorno alla squadra non aiuta di certo a stare calmi e non lo fa nemmeno Mancini, apparso in confusione anche ieri sera: troppi cambi di formazione e pochi alibi per una squadra che si è trovata dall’essere capolista al ritrovarsi a -9 dalla vetta. La sconfitta nell’ultima partita del 2015 con la Lazio non ha soltanto rovinato il Natale ma ha fatto qualcosa di più; ritrovare la fiducia e la tranquillità può voler dire tanto. Se l’Inter vuole ancora lottare per obiettivi importanti, questo è il momento di rialzare la testa.

riforma pensioni 2016 Ape incontro con i sindacati

Reddito minimo ai poveri con minori: il nuovo sostegno spiegato da Giuliano Poletti

Offerte di lavoro per architetti

Offerte di lavoro per architetti: le occasioni di febbraio 2016 a Milano, Roma e altre città