in

Intervista esclusiva a Martina Sacchi, la compagna di Bruno Gulotta morto nell’attentato a Barcellona per salvare la sua famiglia

A un anno di distanza dal terribile attentato di Barcellona UrbanPost ha intervistato Martina Sacchi, la compagna di Bruno Gulotta, morto nel tentativo di mettere in salvo la sua famiglia. Un modo per ricordare quel maledetto giovedì 17 agosto 2017, ma soprattutto per rendere omaggio ad un uomo, un eroe dei giorni nostri, che fino alla fine non ha fatto altro che pensare ai suoi cari.

Barcellona. 17 agosto 2017. Sono più o meno le 16.50. Un furgone Fiat Talento bianco irrompe nella zona pedonale della Rambla, il viale più famoso della città. Niente sarà più come prima. A tutta velocità falcia al suo passaggio donne, uomini, bambini. Il bilancio definitivo è di 14 vittime, oltre 130 i feriti. Tu eri lì con la tua famiglia, Martina, con il tuo compagno Bruno. È una domanda che ti sarà stata fatta un milione di volte, ma cosa ricordi di quei terribili momenti?

«Ricordo tutto nei dettagli, eravamo andati sulla Rambla per fare una passeggiata, volevamo prendere dei souvenir per i parenti. Abbiamo preso il taxi per arrivare lì, perché Alessandro, mio figlio, era stanco di camminare. Appena siamo scesi, neanche il tempo di fare 200 metri, ho sentito le urla. Istintivamente mi sono girata e ho visto il furgone, in quel momento ho pensato: ‘Stiamo per morire tutti!’. Così ho lanciato via il passeggino con dentro la piccola Aria e a Bruno ho urlato: ‘Amò, corri!’. Lui mi ha lanciato addosso Ale. Tempo di prenderlo e trascinarlo: il furgone era già passato davanti. Mi sono girata per vedere se anche Bruno stesse bene, e da quel momento è iniziato l’inferno».

In un’intervista di qualche tempo fa hai detto che ti sembrava di essere in un film dell’orrore, di vivere un incubo. Tu hai raccolto le ultime parole di Bruno, che ha sacrificato la sua vita per la famiglia. Sei arrivata proprio quando i medici hanno detto: ‘es muerto’ e lo hanno ricoperto con un telo. Cosa ti manca più di lui? Cosa racconti di lui ai tuoi bambini? 
«Di Bruno mi manca tutto, la sua dolcezza, la sua voce. Lui era una di quelle persone che incontri solo una volta nella vita, molto colto e intelligente, affettuoso e sempre disponibile ad aiutare gli altri. Amava quel che faceva e nonostante lavorasse tantissimo metteva sempre la sua famiglia al primo posto, non ci ha mai fatto mancare niente. Ai miei figli non racconto nulla: Alessandro ha visto tutto e si ricorda tutto perfettamente, sa che suo padre è morto per mano di altre persone, sa che non lo porterà mai più a vedere e fare qualsiasi cosa con lui. Aria è ancora troppo piccola per capire».

Parliamo della Fondazione Bruno Gulotta. Come nasce? Quanto avete raccolto? Marco Tajana ha parlato di 200mila euro, una cifra che potrà aiutarti nella crescita dei bambini. In un momento così difficile hai sentito attorno a te il calore della gente, dei parenti e amici? Puoi dire lo stesso delle istituzioni? È di questi giorni la notizia della richiesta di risarcimento …

«La fondazione Bruno Gulotta Onlus è nata in seguito alla raccolta fondi fatta dal capo di Bruno. Dato che era stata raccolta una cifra abbastanza consistente si è messo di mezzo un giudice che ha vietato di dare i soldi direttamente a me. Quindi hanno creato la fondazione. Dalla gente ho avuto conforto solo nel primo periodo, ora è come se non fosse mai successo niente. Mi devo arrangiare! Dalle istituzione peggio che mai. Ok, io e Bruno non eravamo sposati, però sono sempre la madre dei suoi figli. Un anno dopo sono ancora qui dietro a scartoffie burocratiche senza aver risolto nulla. In sostanza si sono solo messi in mostra nei giorni immediatamente successivi all’attentato, poi si sono dileguati tutti i politici con buoni e apparenti propositi. L’unica che si è occupata di me è l’azienda per cui attualmente lavoro: Esselunga. In seguito all’accaduto mi è stato offerto un posto di lavoro».

Quando ti senti più sola? Quando l’assenza di Bruno pesa di più? Deve essere difficile convivere con un dolore simile, «rieducarsi» al nuovo. Quando si perde qualcuno di così importante, immagino si faccia fatica ad andare avanti con la propria vita. Forse anche un senso di colpa: ridere quando lui non può farlo più, essere felici senza di lui … Hai un modo per sentirlo più vicino?

«Non mi sento sola, ho i nostri figli che sono un uragano di positività e affetto. Mi fa stare male che Bruno non possa vedere tutti i progressi dei suoi figli. Non ha visto i primi passi di Aria, non la sentirà mai parlare, non vedrà mai il suo sorriso. Lui era contentissimo e iper protettivo nei suoi confronti, parlava già di quando sarebbe stata adolescente e che l’avrebbe protetta da tutto e tutti.  Entrambi i bambini erano attaccati al padre e sono nera, per il fatto che l’unico modo per poterlo vedere sia solo una fotografia in sala! Bruno sarà sempre con me, negli occhi dei nostri figli che sto cercando di crescere come avrebbe voluto lui».

A Sanremo ha trionfato la canzone Non mi avete fatto niente, brano nato dalla lettera di Antoine Leiris, l’uomo che perse la moglie, la madre di suo figlio, durante l’attentato al Bataclan a Parigi. Ma è davvero così per i familiari delle vittime?

«La canzone di Ermal Meta e Fabrizio Moro la odio! A me hanno fatto qualcosa: mi hanno rovinato la vita, distrutto il futuro con tutti i progetti. Chiedilo ad Alessandro se non gli è stato fatto niente! Un bambino di 5 anni, che ha visto suo padre morire in una pozza di sangue senza poter fare niente per salvarlo. La sua preoccupazione quel giorno era dargli un bacino per fargli passare ‘la bua’ inizialmente, poi quando ha visto che era morto la disperazione! Mio figlio non sorride più. Chiedilo ad Aria, che può baciare, abbracciare e chiamare papà solo una foto! Chiedilo ai suoi genitori di Bruno o ai suoi fratelli. Personalmente non provo odio, ma schifo, disgusto. Una cosa che non mi hanno tolto è la voglia di vivere, ho una missione e la porterò a termine: i nostri figli devono crescere con dei sani principi e valori.»

Per contribuire all’Associazione Bruno Gulotta ecco i dati:

Si può contribuire effettuando un bonifico su questo conto corrente:

IBAN: IT66C0840420200000000803352

SWIFT: ICRAITRRB80

presso BCC di Busto Garolfo e Buguggiate, filiale di Legnano

Intestato a:

Fondazione Bruno Gulotta ONLUS

Via XX Settembre, 34, 20025 Legnano MI

P. IVA 10038020961

oppure tramite Paypal, sull’account della Fondazione:

FondazioneBrunoGulotta@gmail.com

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost e LuxGallery. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva ormai da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 le viene conferito il riconoscimento di "Laureato Eccellente Sapienza" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly" e "SuccedeOggi" e riviste letterarie come "Carte Allineate", "Fillide" ed "Euterpe". Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Terremoto in Molise: venti scosse, la più forte di magnitudo 5.2 a Montecilfone (Campobasso)

Fabrizio Corona e Nina Moric ritorno di fiamma? La verità della modella croata: ecco come stanno le cose