in ,

Intesa Sanpaolo: congedo matrimoniale anche per le coppie omosessuali

L’estate 2014 è già stata soprannominata la “Summer of love” per chi è gay e lavoratore dipendente. Nelle aziende italiana è una stagione all’insegna della diversity. Nel gruppo Sanpaolo un accordo sindacale siglato con Dircredito, Fabi, Fiba, Fisac, Sinfub, Ugl credito e Uilca prevede il congedo matrimoniale per le coppie omosessuali. Ne potranno usufruire coloro hanno contratto un matrimonio civile o religioso riconosciuto in Italia o in un stato estero, senza obbligo di registrazione all’anagrafe italiana. Parimenti appena un mese fa, nella Dhl con il nuovo contratto aziendale è stato previsto un congedo retribuito di 15 giorni alle coppie conviventi, anche omosessuali, in grado di dimostrare la coabitazione da almeno un anno.

coppie omosessuali usufruiscono dei benefit previsti per gli altri lavoratori

Dal punto di vista sociologico si registra, dunque, un cambiamento della politica aziendale in settori particolarmente conservatori come quello bancario o maschile come quello dei trasporti. L’osservatorio del GLBT Diversity Index 2014, ha presentato dei dati a giugno all’associazione datoriale Parks-Liberi e Uguali (che ha come aderenti piccole e grandi aziende come Ikea, Telecom Italia, Costa, Microsoft, Barilla, Roche e rappresentanti de settore bancario da Deutsche Bank, Citigroup e State Street) in cui si evince che tra le aziende, il 72% dichiara di avere come politica aziendale ” l’equiparazione dei benefit destinati al coniuge anche alle coppie dello stesso genere”. Il 56% garantisce permessi familiari indistintamente e il 40% prevede l’equiparazione dei permessi tra il figlio del convivente dello stesso genere e i figli dei dipendenti.

Sono tutti esempi di buona pratica di gestione della diversità con cui sempre più le imprese tentano di costruire un clima di lavoro buono che valorizzi le diversità. Con queste novità virtuose l’Italia delle aziende sembra un passo più avanti delle leggi dello Stato.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

scandalo mose venezia

Mose: Giancarlo Galan in carcere non risponde al gip e contesta accuse

zuckerberg

Facebook: Mark Zuckerberg, secondo trimestre proficuo per il miliardario