in

Invecchiamento: dipende (anche) dai geni della madre

Col passare degli anni, le nostre cellule cambiano e si danneggiano. I ricercatori del Karolinska Institutet e dell’Istituto Max Planck per la biologia dell’invecchiamento hanno dimostrato che l’invecchiamento è determinato non solo dal nostro stile di vita durante gli anni, ma anche dai geni che ereditiamo dalle nostre madri. I risultati dello studio sono pubblicati sulla rivista “Nature“.

Anziani giovani

Ci sono numerose cause di invecchiamento che compromettono il funzionamento degli organi: di particolare importanza nel processo di invecchiamento sembrano essere i cambiamenti che si verificano nella centrale elettrica della cellula: il mitocondrio. Tale struttura genera la maggior parte della fornitura di ATP, che è fonte di energia chimica.

I mitocondri contengono un proprio DNA, che cambia più che il DNA del nucleo, e questo ha un impatto significativo sul processo di invecchiamento“, ha detto Nils-Göran Larsson, professore al Karolinska Institutet e ricercatore principale presso l’Istituto Max Planck per la biologia dell’invecchiamento, nonché autore principale dello studio insieme a Lars Olson, professore presso il Dipartimento di Neuroscienze del Karolinska Institutet. “Molte mutazioni nei mitocondri influenzano il grado di produzione di energia delle cellule” ha detto Larsson.

Per la prima volta, nel corso di questo studio, i ricercatori hanno dimostrato che il processo di invecchiamento è influenzato non solo da un accumulo di danno del DNA mitocondriale durante la vita di una persona, ma anche dal DNA ereditato dalle loro madri.

test dna

Sorprendentemente, abbiamo anche dimostrato che il DNA mitocondriale di nostra madre sembra influenzare il nostro invecchiamento” ha continuato a dichiarare Larsson – “Se ereditiamo un DNA con mutazioni da nostra madre, invecchiamo più rapidamente.

Il DNA, sia esso normale o danneggiato, si tramanda tra le generazioni. Se sia possibile influenzare il DNA ereditato attraverso un intervento sullo stile di vita è invece ancora da indagare. “Lo studio mostra anche che bassi livelli di DNA mutato possono avere effetti sullo sviluppo e causare malformazioni del cervello” ha detto, invece,  l’autore Jaime Ross, presso il Karolinska Institutet .

“Questi risultati suggeriscono inoltre che gli interventi terapeutici sulla funzione mitocondriale possono influenzare l’andamento del processo di invecchiamento “, spiega Barry Hoffer, coautore dello studio del Dipartimento di Neurochirurgia presso il Medical Center e Case Western Reserve University School of Medicine. “Esistono prodotti e farmaci in grado di regolare la funzione mitocondriale, ad esempio gli antiossidanti” ha detto il dottor Hoffer .

Integratori alimentari antiossidanti

Seguici sul nostro canale Telegram

massimo di cataldo

Massimo Di Cataldo picchiò la compagna, nuovi testimoni inchiodano il cantante

malore Raoul Bova

Raoul Bova nel mirino del Fisco: sequestrati 1,5 milioni ma l’attore si difende