in

Invito a Palazzo 2016: il 1° ottobre itinerari bellissimi gratuiti da Milano a Roma

Anche quest’anno torna Invito a Palazzo, una manifestazione giunta alla sua 25° edizione che si terrà per tutta la giornata dell’1 ottobre 2016 da Milano a Roma. Si avrà la possibilità di visionare bellissime opere d’arte presenti nelle sedi storiche delle banche italiane.

L’ingresso sarà a titolo completamente gratuito e saranno molti i Palazzi in tutta Italia che offriranno questa possibilità. L’orario delle visite è fissato dalle 10:00 alle 19:00. A Milano apriranno il Centro Servizio Bancario Credito Valtellinese, Direzione Generale Deutsche Bank, Banca Intesa San Paolo – Galleria d’Italia, Piazza Scala, Banca Cesare Ponti e molte altre. A Roma, invece, saranno aperte al pubblico banche come BNL gruppo BNP Paribas in Via Vittorio Veneto, Palazzo Altieri, Palazzo De Carolis, Palazzo Koch, Palazzo Rondinini.

A Firenze, invece, vi sarà il debutto della sede della fondazione Cassa di Risparmio in Via Bufalini, il Centro Direzionale della Banca Federico Del Vecchio, sita in Viale Gramsci e Palazzo Orlandini del Beccuto del Monte dei Paschi di Siena. In Sicilia, ad Acireale aprirà il Palazzo Costa Grimaldi del Credito Siciliano in Piazza Duomo, mentre a Palermo saranno aperti al pubblico Palazzo Branciforte, Palazzo del Monte di Pietà, Palazzo Petyx e Villa Zito. In Sardegna, a Sassari, potranno essere visitati il Palazzo della Presidenza e Direzione Generale del Banco di Sardegna e la Direzione Generale della Banca di Sassari. Per conoscere tutti i Palazzi aperti al pubblico, si consiglia di visitare la pagina ufficiale Facebook dell’evento e il sito dedicato.

“Immagine tratta dal profilo Facebook dell’evento”

Poletti dimissioni

Pensioni 2016 news oggi: accordo Governo sindacati 6 miliardi in tre anni e Quota 41 per i precoci in difficoltà

ecobonus 2017, agevolazioni fiscali 2017 ristrutturazioni, agevolazioni fiscali 2017, detrazioni fiscali 2017, detrazioni fiscali 2017 casa,

Agevolazioni fiscali, Ecobonus 2017: Renzi conferma la proroga al 65%