in

Io canto, Gerry Scotti: “Ormai i piccoli sono sempre più protagonisti in tutti i campi”

Gerry Scotti si difende dall’accusa di sfruttare i piccoli per fare ascolti tv. Il conduttore di Io canto, giunto ormai alla sua quarta edizione, torna a parlare della presenza dei piccoli in televisione. Il presentatore di Mediaset non considera per nulla nociva per i bambini la partecipazione ad un programma televisivo. miss italia 2013

“Ormai i piccoli sono sempre più protagonisti, in tutti i campi: a quattordici anni vincono le Olimpiadi, a diciotto alzano la Coppa del Mondo, a ventuno guidano la Formula Uno. E se vuoi far parte del mondo dello spettacolo devi entrarci il prima possibile, altrimenti sei fuori dal gioco”, dichiara Gerry Scotti nel corso di un’intervista concessa su Il Giornale.

Su Il Giornale Gerry Scotti coglie l’occasione per smentire quelle voci secondo le quali gli era stata proposta la conduzione della nuova edizione del concorso di Miss Italia. “Per fortuna non mi è stata proposta: sarebbe stata una gatta che non avrei avuto nessuna voglia di pelare”, dichiara. E sul concorso di bellezza aggiunge: “La demonizzazione di Miss Italia da parte degli intellettuali proprio non la capisco. La dignità della donna è messa in pericolo da ben altro. Per questo la candidatura di un intellettuale come Sergio Castellitto mi ha stupito: sarebbe come passare dalla sagra dell’uva di Miradolo Terme al Festival di Bertolt Brecht. Forse ci vorrebbe qualche passaggio intermedio”.

Seguici sul nostro canale Telegram

Maltempo, rovesci temporaleschi fino a martedì

Domenica In L'Arena 12 ottobre

Domenica In – L’Arena: Giletti intervista Luca Cordero di Montezemolo