in

“Io sono Mia” al cinema da gennaio: la Rai presenta il biopic dedicato a Mia Martini

Il 14 maggio 1995 al civico 2 di via Liguria a Cardano al Campo, in provincia di Varese venne ritrovato il corpo senza vita di una donna. Era stesa sul letto, in pigiama, con le cuffie del mangianastri nelle orecchie e il braccio teso verso il telefono. Si trattava di Mia Martini, una delle voci più belle della musica leggera italiana. Qualcuno parlò all’epoca di suicidio, fu aperta un’inchiesta: l’autopsia indicò come causa del decesso un arresto cardiaco da overdose di stupefacenti.

leggi anche l’articolo —> Nero a metà seconda stagione, ci sarà? Il successo di ascolti della fiction Rai fa ben sperare

“Io sono Mia”: il biopic dedicato alla straordinaria Mia Martini

Da allora sono passati diversi anni e nonostante la prematura scomparsa il mito di Mimì non si è spento, il suo ricordo non si è affievolito. Del resto come si può dimenticare una voce incredibile come la sua? Quel graffiato vocale che parte dall’anima ed esprime un vissuto tormentato. Per omaggiare la donna e l’artista arriva il biopic Io sono Mia, che sarà in anteprima esclusiva al cinema con distribuzione Nexo Digital il 14, 15 e 16 gennaio 2019. A vestire i panni della cantante Serena Rossi, che già durante il programma di Carlo Conti, Tale e quale show, si era misurata con l’interpretazione struggente della cantante. Al termine dell’esibizione erano piovuti applausi, nessuno però forse si aspettava che da quella performance sarebbe nata l’idea di un film. Diretto da Riccardo Donna, Io sono Mia andrà in onda su RaiUno e online su RaiPlay a febbraio.

Dopo il successo di “Fabrizio De Andrè Principe Libero” arriva “Io sono Mia”

Dopo lo straordinario successo di Fabrizio De Andrè Principe Libero, la Rai si butta in un altro ambizioso progetto: raccontare la carriera e il privato di Mia Martini, dai suoi esordi al successo improvviso, dalle maldicenze al declino. Un film che racconta gli amori, le amicizie, le paure, ma soprattutto la potenza magnetica di una voce diventata immortale. Canzoni indimenticabili, che hanno spopolato soprattutto negli anni ’70: Minuetto, La nevicata del ’56, E non finisce mica il cielo, Gli uomini non cambiano, solo per citarne alcune. Prodotto da Eliseo Fiction Io sono Mia vanta nel cast, oltre la già citata Serena Rossi, Maurizio Lastrico, Lucia Mascino, Dajana Roncione, Antonio Gerardi, Nina Torresi, Daniele Mariani, Francesca Turrini, Fabrizio Coniglio, Gioia Spaziani, Duccio Camerini, Simone Gandolfo, Corrado Invernizzi e Edoardo Pesce.

Il film, di cui è uscito il trailer, prende avvio da un’intervista rilasciata da Mimì a Sanremo nel 1989, quando si presenta in gara dopo anni di lontananza dalle scene col capolavoro Almeno tu nell’universoParte da qui un lungo flashback che ripercorre l’esistenza tormentata della cantante, fatta di incontri fortunati e altri spiacevoli, delusioni e grandi sofferenze per le malelingue. Una donna innamorata della vita questo è stata Mia Martini, forse un fiore troppo fragile per i venti di questo mondo.

leggi anche l’articolo —> Maria De Filippi Giortì: aperti i casting del nuovo programma, le prime anticipazioni

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi", “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Nero a metà seconda stagione, ci sarà? Il successo di ascolti della fiction Rai fa ben sperare

Come proteggere la casa da tutti i possibili rischi