in ,

“Io sono Mia”, stasera su Raiuno il biopic dedicato a Mia Martini: le differenze tra realtà e fiction

Questa sera, 12 febbraio 2019, andrà in onda su Raiuno Io sono Mia, la fiction dedicata all’indimenticabile Mia Martini, la cantante scomparsa nel 1995. Una delle voci più belle della musica leggera italiana, un’artista straordinaria. A darle volto nel biopic, prodotto da Eliseo Fiction, Serena Rossi, che già nel programma di Carlo Conti Tale e quale show si era cimentata nell’imitazione di Mimì. Stavolta però è tutta un’altra storia, per sei mesi di lavorazione, Serena Rossi è stata Mia Martini. Io sono mia, infatti, vuole raccontare la carriera e il privato della cantante di Bagnara Calabra, ripercorrere gli esordi, i successi, le amicizie, gli amori, le passioni, ma pure le maldicenze, i momenti difficili, il declino. La pellicola di Riccardo Donna arriva fino al 1989, l’anno in cui Mimì torna a Sanremo con Almeno tu nell’universo, dopo una lunga depressione legata all’etichetta di iettatrice, che qualcuno le aveva affibbiato senza motivo. Forse solo per farle del male, una tremenda ingiustizia.

Io sono Mia, dalla realtà alla fiction: trama e curiosità

Dopo l’anteprima al cinema il 14, 15 e 16 gennaio 2019, Io sono Mia sbarca su Raiuno e viene da chiedersi quanto di inventato ci sia, quanto questo prodotto Rai sia fedele alla storia reale di Mimì. Possiamo dirvi che la fiction è stata applaudita da Loredana Berté, sorella della cantante, che ha collaborato alla sceneggiatura. Io sono Mia inizia da una fantomatica intervista, rilasciata all’indomani di Sanremo ’89 a Sandra, una giornalista di “Epoca”. Un espediente narrativo che era stato utilizzato in altre serie tv Rai, come Oriana, che aveva per protagonista Vittoria Puccini nei panni dell’inviata di guerra fiorentina Oriana Fallaci. La chiacchierata offre a Mimì nel film l’occasione per parlare del pettegolezzo che voleva che lei fosse una di quelle tipe che porta sfortuna, una voce dolorosa che inizia a diffondersi negli anni 70. «Ero di ritorno da un concerto in Sicilia, il pulmino su cui viaggiavo con il mio gruppo fu coinvolto in un incidente. Due ragazzi persero la vita. “Ciccio Piper” (un impresario inaffidabile con cui Mia Martini rifiutò di collaborare ndr) ne approfittò subito per appiccicarmi l’etichetta di porta jella», racconta l’interprete nel biopic. Nel film si parla anche del rapporto con Franco Califano, l’artista che per Mimì scriverà Minuetto, una canzone meravigliosa, e anche dell’amicizia con Bruno Lauzi, che le propose di cantare Piccolo Uomo. Assente dal biopic è il grande amore di Mia Martini Ivano Fossati, che ha preferito non essere citato. Lui come pure Renato Zero, grande amico delle sorelle Berté, che compare nella pellicola con il nome di Anthony, un giovane incontrato fuori dal “Piper”. La passione tuttavia non manca, d’altronde che fiction sarebbe? L’amore per Ivano Fossati trova eco nella storia di fantasia fra Mia e il fotografo Andrea, interpretato da Maurizio Lastrico.

Io sono Mia: Accanto a Serena Rossi un cast d’eccezione

Nel cast, oltre la già citata Serena Rossi, Lucia Mascino, Dajana Roncione, Antonio Gerardi, Nina Torresi, Daniele Mariani, Francesca Turrini, Fabrizio Coniglio, Gioia Spaziani, Duccio Camerini, Simone Gandolfo, Corrado Invernizzi e Edoardo Pesce. In un’intervista a “Il Messaggero” Serena Rossi ha rivelato: «Per essere Mimì ho studiato come una matta. Ho visto filmati, ho ascoltato registrazioni di ogni tipo, ho preso lezioni di canto. E ho parlato con chi la conosceva». A darle una grande mano l’amico Alessio Boni, reduce dal successo de La Compagnia del Cigno, altro prodotto targato Rai, che anni fa ha interpretato Walter Chiari: «Alessio Boni. Lui che ha interpretato Walter Chiari mi ha detto di non imitarla. Prendi due o tre cose di lei, poi fai tu. La devi sentire dentro. Aveva ragione!». Non ci resta che attendere questa sera e godere dello spettacolo. I fan di Mimì non possono mancare all’appuntamento. Noi ci saremo.

leggi anche l’articolo —> “Io sono Mia”: trama, cast, data d’uscita e anticipazioni sulla nuova fiction di Rai 1

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Calendario scioperi trasporti, treni, febbraio-marzo 2019: date e città

Reddito di cittadinanza, la card viola la privacy: ecco perché