in

Nuovo iPad Air: ultrasottile, leggero, potente con un dual-core A7 a 64 bit

Air, perché leggero come l’aria, incredibilmente sottile come uno spiffero ma potente come un uragano. Questo il nome della quinta versione dello storico iPad, presentato dalla Apple per la prossima stagione di vendita. Vediamolo in dettaglio.

ipad-air-layers

Partiamo dallo schermo, che mantiene invariate le dimensioni di 9,7 pollici. Si tratta di un display a tecnologia IPS, con una risoluzione di 2048×1536 punti a 264 PPI).Cambiano, invece, le dimensioni della cornice dello schermo per adattarsi alle dimensioni più ridotte e al peso del tablet. Si parla infatti di uno spessore di 7,5 mm (a fronte dei 9,4 mm precedenti) ed un peso di 469/478 gr. (rispetto ai vecchi 652/662 gr.)

Riguardo il settore connettività, due le novità di rilievo: il Wi-Fi 802.11a/b/g/n dual-band con tecnologia MIMO affiancherà la connettività LTE, presente con notevoli miglioramenti. La presenza del Bluetooth versione 4.0 permetterà l’uso di numerose periferiche ausiliarie. A livello fotografico, troviamo una fotocamera posteriore da 5 megapixel (con sensore BSI), dotata di autofocus e un diaframma da f/2.4. Per il discorso video, l’obiettivo a 5 elementi permette di riprendere video ad 1080p. Sul lato anteriore la fotocamera è da 1,2 megapixel, con capacità di registrazione video in HD. Un’altra novità è data dalla presenza di due microfoni.

Veniamo al cuore del dispositivo. Una vera rivoluzione è rappresentata dall’aver mandato in pensione il dual-core A6X con grafica quad-core, a vantaggio del collaudato system on chip A7 dual-core da 64 bit, già presente sull’iPhone 5S, le cui prestazioni (in termini di grafica e di calcolo) sono già note. A questo è stato aggiunto un processore (l’M7) incaricato di gestire i dati di movimento raccolti dal giroscopio, quelli dell’accelerometro e della bussola. In questo modo, sarà possibile creare apps più avveniristiche, come, ad esempio, quelle per il fitness.

ipad5-a confronto con il 4

Infine la batteria. Sempre integrata e sempre a base di polimeri di litio. Solo che rispetto a quella dell’iPad 4 (con una potenza di 42,5) nell’iPad Air la batteria ha una potenza più bassa di 32,4 wattora. Ma l’autonomia resta la stessa: 1o ore di funzionamento continuo perfino con il Wi-Fi acceso e la riproduzione di video o di musica.

Due le versioni introdotte sul mercato: una con connettività il Wi-Fi e un’altra prevede entrambe le connessioni Wi-Fi e LTE. Per quanto riguarda la memoria di archiviazione dei dati, si va dai 16 ai 128 Gb. L’unica nota negativa è la mancanza di un sensore di impronte digitali, già implementato con molto successo nell’iPhone 5s. Speriamo in futuro, magari prossimo.

Seguici sul nostro canale Telegram

Anticipazioni Il segreto mercoledì 23 ottobre: Pepa ritrova una foto tra le carte di Alberto

Datagate: anche l’Italia controllata