in

Irina Shayk, la reazione al duetto tra Lady Gaga e suo marito Bradley Cooper lascia tutti ammutoliti

Ci si aspettava una reazione incendiaria di Irina Shayk di fronte alla complicità tra Lady Gaga e Bradley Cooper sul palco degli Oscar, durante la performance che li ha visti impegnati nell’esecuzione di Shallow. Il brano, che ha vinto l’Oscar per la miglior canzone originale è presente nel film A Star Is Born e la loro esibizione era una delle più attese nella notte dell’Academy. Lady Gaga e Bradley Cooper non hanno, di fatto, deluso le aspettative, mentre la bellissima Irina, moglie di Cooper, ha senza dubbio scontentato i pettegoli pronti a scatenare il gossip.

Bradley Cooper Lady Gaga: i pettegolezzi del gossip

I rumors sull’esagerata complicità tra Lady Gaga e Bradley Cooper erano stati parecchi e anche qualche personaggio del mondo dello spettacolo aveva notato un feeling particolare tra i due; la cantante inglese Mel C, durante una puntata di Good Morning Britain, aveva addirittura affermato: “Mi sento così a disagio per la fidanzata di Bradley Cooper. Mi piace pensare che fosse tutto parte della performance perché c’è un codice femminile… Spero sia solo una cosa professionale”.

Irina Shayk, la reazione della modella ammutolisce

In tanti, alla fine dell’esibizione, hanno cercato lo sguardo della modella Irina Shayk pronti a coglierne la reazione. E la risposta della super top russa non si è fatta attendere: Irina è stata una delle persone più entusiaste; secondo Chris Gardner, giornalista di Hollywood Reporter “Irina è stata la prima ad alzarsi dal suo posto”. E quando Lady Gaga è tornata a sedersi, proprio accanto alla moglie di Cooper, le due si sono strette in un abbraccio che ha messo a tacere qualsiasi pettegolezzo.

Leggi anche —> Anna Tatangelo Instagram, minigonna con spacco e foto dal basso: fan impazziti

“La Stagione della caccia”, Andrea Camilleri vince con oltre 7milioni di spettatori: ecco come rivedere il film

Mia Martini, la rabbia di Drupi dopo la fiction: «Tremenda ipocrisia, tutti si toccavano e facevano gli scongiuri!»