in

Irlanda del Nord, legalizzati aborto e matrimoni gay: svolta storica

Per l’Irlanda del Nord quella di oggi, 22 ottobre 2019, è una giornata storica: i matrimoni gay e l’aborto sono diventati legali. La legalizzazione è diventata effettiva alla mezzanotte, tra lunedì e martedì, in seguito alla legislazione del parlamento britannico. Londra “ha approfittato”, infatti, dell’immobilità di quello di Belfast, bloccato dal gennaio del 2017. Le nuove norme avranno effetto operativo del 2020, ma da stanotte sono formalmente in vigore.

Irlanda del Nord, legalizzati aborto e matrimoni gay: svolta storica

A differenza del resto del Regno Unito, dove l’aborto è legale dal 1967, nell’Irlanda del Nord era rimasto illegale, a meno che la gravidanza mettesse a repentaglio la vita della mamma. Anche per quanto riguarda i matrimoni gay il paese del Titanic Quarter era rimasto indietro e rappresentava la sola eccezione del Regno Unito. “Decisiva” (in un certo senso), perché i due importanti provvedimenti venissero approvati, la paralisi del paese, che a seguito di uno scandalo è manchevole di un governo locale dal 2017. Così, come riporta “La Repubblica”, “i deputati di Westminster nel luglio scorso hanno votato degli emendamenti per estendere il diritto all’aborto e ai matrimoni fra persone dello stesso sesso in Irlanda del Nord che non si è potuta opporre proprio in virtù della mancanza di un governo”.

Entusiasmo nel paese: il tweet di Grainne Teggart

Entusiasta, Grainne Teggart, manager della campagna di Amnesty International nell’Irlanda del Nord, che ha scritto su Twitter: «Eccoci, è arrivato il giorno in cui salutiamo le oppressive leggi sull’aborto che hanno fino ad oggi controllato i nostri corpi e ci hanno negato la possibilità di scelta. Alla mezzanotte, un divieto di 158 anni sarà finalmente abrogato e le cure mediche di questo tipo non saranno più criminalizzate». Secondo quanto riferito dal segretario di Stato responsabile dell’Irlanda del Nord Julian Smith i primi matrimoni gay saranno celebrati «al più tardi la settimana di San Valentino del 2020».

leggi anche l’articolo —> Pietro Bartolo, ex medico di Lampedusa: «Quelle immagini in fondo al mare mi fanno vergognare!»

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

caso yara news

Caso Yara Massimo Bossetti news: lettera a Feltri e duro attacco all’ex ministro Alfano

Fabrizio Corona fratello, con Federico così simili e così diversi: passioni e amori ‘comuni’