in ,

Irlanda, fossa comune con 800 bambini: orrore vicino un ex istituto religioso

Orrore in Irlanda: nella giornata di ieri, venerdì 3 marzo 2017, è stata trovata una immensa fossa comune con i resti di circa 800 bambini. Dopo anni di denunce, sospetti e insabbiamenti adesso ci sono le prove inoppugnabili dell’orrore: nel sito dove si trovava la Bon secours mother and baby home a Tuam, nella contea di Galway, sulla costa occidentale della Repubblica, c’è una struttura sotterranea, divisa in venti camere, che contiene “significative quantità di resti umani”. Lo ha scoperto un gruppo di investigatori nominati dal governo di Dublino per far luce sulle strutture che accoglievano gli orfani, le madri nubili e i loro bambini.

—> LE ULTIME NOTIZIE DI CRONACA 

La commissione, che ha iniziato le ricerche nell’ex istituto religioso nell’ottobre del 2016, ha detto che l’analisi del Dna di alcuni del resti rivela che i bambini avevano tra le 35 settimane e i tre anni. I cadaveri sarebbero stati seppelliti nel periodo di attività del centro, quindi tra il 1925 e il 1961, ma soprattutto durante gli anni Cinquanta, quando in Irlanda c’erano oltre dodici orfanotrofi che ospitavano bambini e madri nubili. La casa di Tuam chiuse nel 1961.

L’ospizio, gestito dalle Bon secours sisters, un ordine religioso femminile cattolico, accoglieva le ragazze non sposate e le aiutava a partorire. Le ragazze venivano poi separate dai loro bambini, che venivano portati altrove nella struttura e allevati dalle suore finché non venivano adottati.

Primarie Pd 2017, Matteo Renzi: “Il 30 aprile? Ecco cosa penso!”

Anticipazioni Verissimo ospiti

Verissimo Anticipazioni 4 marzo 2017: tutti gli ospiti di oggi