in

Iron Man 4 Senza Robert Downey Jr?

A inizio mese oltre oceano Robert Downey Jr e sua moglie Susan (produttrice di tutti i suoi film) hanno cenato con il presidente dei Marvel Studios Kevin Feige, il regista Shane Black e il presidente dei Disney Studios Alan Horn.
L’incontro non era solo per festeggiare il trionfo di Iron Man 3 che è vicino ad incassare 700 milioni di dollari in tutto il mondo ma anche per discutere dei futuri piani di questa armatura fabbrica soldi.

Il successo di Iron Man non è paragonabile a quello riscosso dagli altri personaggi Marvel, forse solo dall’Uomo Ragno. Dunque è normale che Feige voglia puntare tutto su questo eroe realizzando ancora molti film che raccontano le avventure di Tony Stark.

“Non vedo motivi per cui Tony Stark non possa essere un evergreen alla stregua di James Bond. O Spiderman o Batman.”

Robert Downey Jr, invece, sembra pensarla diversamente quando afferma che la sua idea è quella di

“lanciare un altro franchise, indipendente da qualsiasi altra cosa che posso nemmeno immaginare in questo momento. Voglio dominare il campo di gioco per tutto il tempo che posso, con i miei problemi, con me stesso.”

Anche la bella Gwyneth Paltrow avrebbe escluso la possibilità di girare un quarto capitolo, almeno stando a quanto riporta in questa intervista insieme a Robert Downey Jr, Ben Kingsley e Don Cheadle qui sotto.

Ci sarebbe poi anche la Warner Bros che potrebbe voler girare un nuovo episodio di Sherlock Holmes, altro personaggio che ha contribuito a rilanciare l’immagine di Downey Jr dopo vari problemi legali e di salute legati all’uso di stupefacenti.
Senza considerare i piani personali dell’attore, che anche durante una intervista a GQ ha espresso dubbi sulla sua permanenza nella serie.
L’infortunio avuto sul set lo avrebbe fatto riflettere; si chiede fino a quando i sequel saranno divertenti e appassionanti e termina con una riflessione sul suo percorso artistico.

“Provengo da una famiglia di artisti, siamo scrittori, registi, attori e anche il mio cerchio di amici è composto da persone di quel tipo […] C’è un’eredità a cui devo ritornare”

Non dimentichiamoci, infine, che gli eroi dei fumetti non invecchiano ma gli attori si! Downey Jr è vicino ai 50 anni, anche se ben portati, e i prossimi film su Iron Man non sarebbero nell’immediato ma fra diversi anni.
Per il momento è sicuro che lo vedremo nelle ultime due pellicole che concluderanno la saga di The avengers entro il 2017, poi i progetti dell’attore sembrano indirizzarsi verso altre strade, visto che anche gli obblighi contrattuali sono stati tutti assolti.

Il problema potrebbe essere quello di trovare un sostituto e l’impresa è difficile. L’unica soluzione sarebbe un reboot, come è già stato fatto per Spiderman, Batman, Hulk e Superman ma sarebbe difficile per un personaggio così singolarmente identificato con un attore. Il successo planetario delle pellicole ha legato indissolubilmente il volto di Tony Stark a quello di Downey Jr, che ha saputo creare un personaggio indimenticabile, un misto di spacconeria infantile, sregolatezza geniale e super problemi.
Quale attore potrebbe ricominciare da capo definendo di nuovo i canoni del personaggio e per di più senza far rimpiangere Robert Downey Jr?
Questa è la domanda da un miliardo di dollari.

Written by Federico Elboni

Laureato in Lettere Moderne presso l'Università degli Studi di Pisa, appassionato di tecnologia (del mondo Apple in particolare), letteratura, psicologia e fotografia, amante del cinema e operatore cinematografico da anni, prima dell'avvento del digitale.
Su Urban Post si occupa di Cinema.
Lavora come project e content manager.

Imu, Tares ed Iva aumenti nel 2013 e consumi in calo

Sondaggi PDL primo partito al 30 percento

Sondaggi, se si votasse oggi Pdl oltre il 30%, il PD è al 23%