in

Irresponsabili vs cialtroni: scambio d’insulti tra Di Maio e Renzi nel giorno dalla manifestazione PD

Non c’è che dire, se ne sono dette di tutti i colori. Ad aprire il fuoco per primo è stato il leader del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio, che per i commenti negativi sul Def di alcuni giornali ha dato la colpa a Pd e Forza Italia, attaccando in modo particolare Matteo Renzi«Pd e Forza Italia non riescono a fare un’opposizione politica e quindi con i loro giornali creano terrorismo mediatico per far schizzare lo spread sperando in un altro colpo di stato finanziario: sono degli irresponsabili nemici dell’Italia», ha scritto il vicepremier in un lungo post su Facebook. «Ma nonostante il loro cinico impegno lo spread non è schizzato perché gli investitori tutto questo lo sanno».

Luigi Di Maio ha rimarcato come il rapporto deficit/Pil delle manovre realizzate dai governi a guida Pd fosse sempre oltre il 2% ma questo non abbia sollevato alcuna critica feroce come quelle registrate in questi giorni. «Tutti i giornali di partito hanno dichiarato guerra alla Manovra del Popolo  –  scrive Di Maio su Facebook – perché fissa il deficit per il prossimo anno al 2,4%. Il Pd nel 2014 ha fissato il deficit al 3%, nel 2015 al 2,6%, nel 2016 al 2,5%, nel 2017 al 2,4% e l’anno scorso al 2%. Nessuno ha mai fiatato». Poi ha attaccato ancora Matteo Renzi sui capitoli di spesa del suo esecutivo. «Sappiamo bene come hanno impiegato i nostri soldi –  ha scritto Di Maio – Opere inutili mai realizzate. Air Force Renzi. 7 miliardi alle banche. Banca Etruria. F35. Pensioni d’oro. Superconsulenze. E così via». 

La replica di Matteo Renzi non si è fatta attendere. Su Twitter l’ex premier e segretario PD mentre era in pieno svolgimento la manifestazione del suo partito a Roma  con circa 50mila persone in Piazza del Popolo ha scritto: “Di Maio deve giustificare il flop della manovra di bilancio e parla di terrorismo mediatico. Andiamo con ordine Gigino: quella dei media si chiama informazione. Il terrorismo è quello dei brigatisti e degli estremisti. La tua invece si chiama solo cialtronaggine”. Uno a uno e palla al centro. Forza Italia per il momento non ha replicato, ma è certo che Silvio Berlusconi e Antonio Tajani si faranno sentire, rinnovando le critiche già espresse nelle ultime ore alla “manovra del popolo”.

Leggi anche –> Manovra 2019, Spread a 280 e borsa in picchiata: è iniziata la tempesta

Written by Andrea Monaci

49 anni, è direttore editoriale di Urbanpost.it fin dalla sua fondazione nel 2012. Ha iniziato la sua carriera nel 1996, si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto per "Il Secolo XIX", "Lavoro e Carriere", "La Voce dei Laghi", "La Cronaca di Varese".

Romina Power sensuale ancora oggi: lo scatto hot su Instagram fa impazzire i fan

Antonio Zequila appello a Maria De Filippi: «Voglio corteggiare Tina Cipollari!»