in

Isabella Noventa cadavere news: intercettazione Freddy Sorgato, la sua perfidia indigna e sconcerta

Omicidio Isabella Noventa news: sconcerta e indigna – non solo la famiglia della vittima – che Freddy Sorgato si faccia vanto in carcere, mentre parla con gli amici che lo vanno a trovare, del fatto che gli inquirenti mai ritroveranno il corpo di Isabella Noventa, uccisa la notte del 16 gennaio 2016 e il cadavere gettato chissà dove. Sorgato, condannato anche in Appello a 30 anni di reclusione insieme alla sorella Deborah per omicidio volontario e occultamento di cadavere in concorso, non ha mai collaborato con gli inquirenti e, anzi, la magistratura ipotizza che quando disse di aver gettato il corpo dell’amante nelle acque del fiume Brenta (dove, nonostante lunghe ed approfondite ricerche, non è stata trovata traccia) lo fece al solo scopo di depistare le indagini.

omicidio isabella noventa news

Il delitto di Isabella Noventa, infatti, nonostante le condanne inflitte al trio diabolico – Deborah, Freddy e l’amica Manuela Cacco, quest’ultima condannata a 16 anni e dieci mesi – presenta ancora molti punti oscuri, in primis la mancanza del corpo della segretaria di Albignasego. L’anziana madre della vittima, Ofelia, anche dal letto d’ospedale su cui è finita nei giorni scorsi a causa di un crollo psicofisico, continua a supplicare i Sorgato affinché facciano ritrovare il cadavere di sua figlia, ma invano. Freddy, glaciale, non dà segno di voler raccogliere la sua richiesta e, anzi, quasi fiero del suo diabolico piano, intercettato in carcere dice: “Non la troveranno mai”:

Il ballerino e la sorella, con la complicità della tabaccaia veneziana Manuela Cacco, hanno ordito una trappola mortale ai danni della segretaria di Albignasego, odiata dalla veneziana perché sua rivale in amore, così pure da Deborah Sorgato, gelosa di lei e timorosa che, entrando in famiglia in qualità di fidanzata del fratello, avrebbe in qualche modo potuto mettere mano al patrimonio di famiglia. Freddy, dal suo canto, aveva con la Noventa un rapporto di odio e amore, fatto di alti e bassi e continui ‘tira e molla’, che lo portavano a frequentare Isabella saltuariamente, come amante, ma anche a litigare spesso con lei. Ognuno dei tre imputati, insomma, avrebbe avuto dei motivi per detestare la povera vittima. I tre, nonostante due condanne, appaiono lucidi e calcolatori e fermamente decisi a non rivelare dove si trova il corpo della povera Isabella. L’unica, probabilmente, a non sapere dove sia finito è la Cacco, che in fase di indagini si è mostrata collaborativa con gli inquirenti, riferendo tutto ciò di cui era a conoscenza ma non il luogo in cui si trova il corpo. La Procura l’ha ritenuta attendibile, ecco il perché della pena più lieve per lei rispetto ai suoi due complici.

Potrebbe interessarti anche:  Omicidio Isabella Noventa news processo: “Uccisa da un amico del fratello”

letera anonima a freddy sorgato

Donna scomparsa a Novi Ligure: Daniela Valiante, nessuna traccia dal 12 ottobre dopo strano messaggio al marito

“Grande Fratello Vip” anticipazioni: il ritorno di Cristiano Malgioglio in casa e tante altre sorprese