in ,

Isabella Noventa news, spunta agenda di Freddy: annotazioni ‘ossessive’ sulla vittima

“Io vivo e lascio vivere, non potrei mai nuocere ad una persona in una maniera così infima”. Queste parole le diceva Emanuela Cacco pochi giorni fa, intervistata dalla trasmissione di Rai 1, “La vita in diretta”, in merito alla sua presunta gelosia nei confronti di Isabella Noventa, sua antagonista in amore. Emanuela Cacco, amica intima e presunta compagna/amante di Freddy Sorgato, è stata arrestata ieri sera insieme al 44enne e a Debora, sorella di quest’ultimo, con l’accusa di omicidio premeditato in concorso ai danni della segretaria 55enne di Albignasego scomparsa la notte del 15 gennaio scorso.

Solo parziale finora la ricostruzione della dinamica omicidiaria fatta fagli inquirenti, che domani sottoporranno i tre ad interrogatorio prima della convalida del fermo. Freddy e la sorella Debora, la cui auto sarebbe stata ripresa dalle telecamere a Padova la notte del 15 gennaio, in prossimità della zona in cui Manuela Cacco indossando il giubbino della vittima metteva in atto una vera e propria messinscena, hanno infatti negato ogni addebito. Le uniche parziali ammissioni, infatti, le avrebbe fatte solo la Cacco.

Del caso quest’oggi si è occupata anche la trasmissione Pomeriggio 5, che ha rivelato l’esistenza di nuovi agghiaccianti post su Facebook scritti tempo fa da Freddy, messaggi criptici trasudanti livore, e di un’agendina in suo possesso, dove annotava sistematicamente in maniera quasi maniacale tutte le spese – ma proprio tutte, anche quelle per un caffè – che faceva per Isabella, donna della quale sarebbe stato follemente geloso e alla quale sarebbe stato legato in maniera ossessiva.

“Ogni attimo, ogni istante, ti osservo!!”, è un post di Freddy del 16 novembre 2015, e poi una citazione datata 13 dicembre 2014, che riletta oggi con la consapevolezza di ciò che potrebbe essere accaduto ad Isabella (gli inquirenti sospettano che l’uomo l’abbia soffocata nella sua abitazione, giacché nell’appartamento e nelle sue due auto non sono state trovate tracce di sangue), fa gelare il sangue: “I fascino del proibito,tanto oscuro quanto attraente tale da vestirti di un velo sottile di buio da tenerti imprigionato laddove il regno della ragione non ha senso di esistere,tenace,duro,impavido che non ti lascia respiro,soffoca,infierisce finchè l’ultima goccia di energia se ne va,esserne travolti inesorabilmente e rinascere sulle sue ceneri non ha prezzo ! ( Cohn Voy )”.

parlamento turco

Ankara: attentato a 500 metri dal parlamento, oltre 28 morti e 60 feriti, l’esercito crede nel coinvolgimento del Pkk

Napoli Calcio

Ultime notizie Napoli calcio: che accoglienza per Reina in Spagna