in ,

Isabella Noventa ultime notizie: indagato maresciallo compagno di Debora Sorgato

A seguito della perquisizione dei giorni scorsi della sua ex postazione di lavoro, presso il comando provinciale dei Carabinieri di Padova, e della sua abitazione, il maresciallo Giuseppe Verde è stato iscritto nel registro degli indagati. Alla luce dei documenti sequestratigli, l’uomo – compagno di Debora Sorgato – è accusato di violazione del segreto d’ufficio e accesso abusivo alla banca dati. Per questo il militare è indagato dal pm Giorgio Falcone, titolare delle indagini sull’omicidio di Isabella Noventa.

Come vi avevamo anticipato, al maresciallo Verde durante le perquisizioni erano state prelevate le impronte digitali, e sequestrato un iPad (di cui si ignorava l’esistenza) appartenente a Debora Sorgato e dei documenti scottanti riguardanti informazioni private su Ciurlanti (compagno defunto della Sorgato). “Ci sarebbero carte che indicano che il maresciallo avrebbe cercato informazioni nelle banche dati e si presume che abbia girato quelle notizie – riservate e alle quali aveva accesso solo per doveri d’ufficio – a qualcuno”, scrive Il Mattino di Padova.

>>> QUI TUTTI GLI ARTICOLI SUL CASO ISABELLA NOVENTA 

Gli inquirenti non escludono dunque che tra quei dati vi siano anche delle informazioni connesse al caso Isabella Noventa e all’inchiesta relativa alla sua scomparsa. Il maresciallo Verde non avrebbe saputo spiegare il perché fosse in possesso di quei documenti, visto che non stava svolgendo alcuna indagine sulle persone citate in quelle carte. Ricordiamo inoltre che nell’armadio della sua camera da letto, in uso alla Sorgato, gli inquirenti mesi fa durante una prima perquisizione avevano trovato, accuratamente nascosti, 124mila euro in contanti, proiettili e due pistole non denunciate.

Claudio Ranieri Premier League

Leicester e Ranieri dati per spacciati ad agosto, 8 mesi dopo vincitori della Premier League

Nomadi concerto per alluvione 2014

Nomadi, in arrivo il doppio album ”I Nomadi – Così sia, XXIV tributo ad Augusto Daolio”