in

Iscrizioni anno scolastico 2019/20: scadenze e modalità, tutte le informazioni utili

Iscrizioni anno scolastico 2019/20: a partire da oggi, 7 gennaio, e finO al 31 i genitori e gli studenti di tutta Italia potranno effettuare l’iscrizione online per il prossimo anno scolastico. Il Miur, su richiesta del ministro Bussetti, ha anticipato le scadenze per far sì che tutti i docenti possano iniziare il sevizio fin dal primo giorno di lezione.

Miur bando di concorso 2016

Si tratta delle iscrizioni per le classi prime delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado. La circolare con tutte le informazioni utili da dare alle famiglie è stata già inviata alle scuole: sarà possibile effettuarla dalle ore 8 di lunedì 7 gennaio fino alle ore 20 di giovedì 31 gennaio. Lo scorso anno le iscrizioni erano partite a metà gennaio ma il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, ha chiesto e ottenuto che fossero anticipate. L’obiettivo è avere un po’ di tempo in più a disposizione per portare in cattedra tutti i docenti fin dall’inizio dell’anno scolastico 2019-2020.

Per le scuole primarie e secondarie (sia di I che di II grado) l’iscrizione può essere fatta solo online, previa registrazione sul portale www.iscrizioni.istruzione.it (disponibile già dal 27 dicembre 2018). La procedura online non si applica alle scuole della Valle d’Aosta e delle province di Trento e Bolzano. Le iscrizioni online riguardano anche i Corsi di istruzione e formazione dei Centri di formazione professionale regionali nelle Regioni che hanno aderito alla procedura; per ciò che invece concerne le scuole dell’infanzia la procedura è cartacea e va presentata alla scuola prescelta e possono essere iscritti alle scuole dell’infanzia i bambini che compiono il terzo anno di età entro il 31 dicembre 2019, che hanno la precedenza. L’adesione delle scuole paritarie al sistema delle ‘Iscrizioni on line’ resta sempre facoltativa.

TUTTE LE NEWS DALL’ITALIA SU URBANPOST, LEGGI

Pirelli offerte di lavoro: le posizioni aperte in Italia e all’Estero

Insegnanti di sostegno, i dati allarmanti dell’ISTAT: il 36% non è in possesso della qualifica specializzata