in ,

Isis giornalista decapitato, Obama: “Video autentico, faremo giustizia”

Si fa sempre più fondata ed attendibile l’ipotesi che il boia che ha decapitato il giornalista freelance americano rapito in Siria nel 2012, James Foley, sia di nazionalità inglese. Fonti ufficiali della Casa Bianca lo confermano, dopo aver attentamente analizzato il video choc della decapitazione, diffuso dai terroristi, giudicato autentico. Anche il primo ministro inglese, David Cameron, lo ha affermato: “E’ una cosa scioccante, ma sappiamo che fin troppi britannici sono andati in Siria e in Iraq coinvolti in atti di estremismo e violenza e quello che dobbiamo fare è incrementare gli sforzi per fermarli”.Barack Obama giornalista decapitato

Il boia che ha trucidato il giornalista James Foley, sarebbe quindi un estremista inglese, probabilmente londinese, leader di una cellula di combattenti britannici in Siria. Queste le prime e sporadiche notizie su di lui, diffuse dal Guardian, che avrebbe attinto a fonti dirette. Vi è infatti la testimonianza di un ex ostaggio il quale avrebbe rivelato che l’estremista si fa chiamare John. Il portavoce del Pentagono, John Kirby, ha dichiarato che gli Usa di recente sono stati impegnati in un’operazione militare finalizzata a liberare gli ostaggi in Siria, però fallita. Tuttavia, le forze militari statunitensi starebbero pensando di intensificare il proprio contingente in Siria con l’invio di “un piccolo numero di truppe addizionali” in Iraq, circa 300 soldati. Lo scopo è di rafforzare la sicurezza attorno a Baghdad.

Il presidente americano Barack Obama, ieri in un breve intervento ha espresso tutta la sua costernazione per il brutale assassinio di James Foley, preannunciando la sua ferma intenzione di “fare giustizia”. L’Isis, infatti, “non parla di religione […] Le loro vittime sono in massima parte musulmani e nessuna fede insegna alla gente a massacrare gli innocenti” – ha detto il Presidente – “Quando viene fatto del male a degli americani ovunque nel mondo, noi facciamo ciò che è necessario per far sì che venga fatta giustizia”.

Nuovi satelliti Esa Galileo sat 5 e sat 6 lanciati giovedì 21 agosto spazio

Due satelliti Galileo lanciati oggi nello spazio per il sistema di navigazione GPS europeo

Ice Bucket Challenge mania: Belen Rodriguez (VIDEO) accetta la sfida, Fedez nominato da tutti