in ,

Isis, Putin chiede via libera per intervento militare in Siria: il Parlamento dà l’ok

In seguito al vertice tenutosi il 28 settembre con il presidente americano Barack Obama, in occasione dell’Assemblea Generale dell’Onu, Vladimir Putin ha inoltrato la richiesta al Parlamento russo di potere usare le truppe del Cremlino all’estero.

Quello con il Presidente degli Stati Uniti è stato un faccia a faccia durato oltre un’ora, durante il quale i due capi di Stato hanno discusso sulla possibilità di un’azione militare comune tra Stati Uniti e Russia in Siria, mirata a bombardare le postazioni dell’Isis. E a giudicare dagli ultimi accadimenti, sembrerebbe che il patto di collaborazione Russia-Usa sia stato definito, pur restando salda l’antitetica posizione dei due leader nei confronti di Bashar al Assad“No ad alleanze con Assad, è un tiranno che ha brutalizzato il suo popolo: una soluzione in Siria deve essere la transizione a un nuovo leader”, il concetto espresso da Obama durante l’assemblea Onu, “L’esercito siriano è l’unico in grado di sconfiggere l’Isis”, la posizione del presidente russo.

A seguito della richiesta fatta da Putin, poco fa la Duma ha dato l’ok, concedendogli di predisporre l’intervento militare contro lo Stato islamico nel territorio siriano. Dopo il permesso accordato dalla Camera bassa, ora l’ultimo passo spetta al Consiglio della Federazione, chiamato ad esaminare la richiesta del presidente Putin, ma si tratta solo di una formalità.

Iran femminile uomini

Iran, nazionale femminile: sotto il velo anche 8 uomini, scoppia lo scandalo

Ranocchia Calciomercato

Calciomercato Inter: a gennaio rivoluzione in difesa, via Ranocchia dentro Sala?