in

Italia’s Got Talent lascia Mediaset: su Twitter Gerry Scotti ironizza

Venerdì scorso, in serata, è giunto nelle varie redazioni il comunicato stampa che annunciava la rottura fra Italia’s Got Talent o meglio fra la Fremantle Media e Mediaset e che andava così a confermare le voci che circolavano già dalla mattina specificando che i motivi del divorzio riguardavano l’esponenziale aumento dei costi per ciascuna puntata del fortunatissimo programma che, anche nell’ultima messa in onda, ha permesso a Canale 5 di battere ogni record e aggiudicarsi la vittoria della prima serata senza alcun problema.

io canto 4

Commentando gli articoli che giravano su internet, ma soprattutto un’ intervista rilasciata a Tv Blog in cui Carlo Freccero assicurava che Sky avrebbe fatto di gran lunga meglio a comperarsi i giudici di Italia’s got talent e non il programma, Gerry Scotti, su Twitter, ha dato sfogo a tutta la sua ironia annunciando così i veri motivi del mancato rinnovo degli accordi fra la Fremantle Media e Mediaset e soprattutto della crescita dei costi del programma. Secondo il noto presentatore, cioè, a determinare l’aumento esorbitante dei costi, giudicati troppo esagerati ed in controtendenza con i piani di Mediaset che, data la crisi, sta continuando a tagliare le spese, sarebbero stati lui e il collega Rudy Zerbi.

Nel primo cinguettio, infatti, Scotti ha scritto: “Addio IGT. Tutta colpa di @RudyZerbi che ha chiesto 50 milioni l’anno!!! Infame” facendo capire, ovviamente per scherzo, che il professore di Amici 13, noto per essere uno degli uomini più veloci della luce nell’usare il buzz nonché il giudice più severo dell’Italia intera, avrebbe chiesto un compenso esorbitante. Il secondo motivo? Secondo Scotti una parte di colpa è da attribuite a lui stesso: “Va beh, lo ammetto: @RudyZerbi non c’entra nulla. Semplicemente è arrivato il conto dei miei tramezzini…….”.

promo Polifemo di Vito Foderà

Anticipazioni Polifemo, seconda puntata del 4 febbraio: viaggio alla scoperta dei ‘makers’

Ballarò con Giovanni Floris

Anticipazioni Ballarò 4 febbraio: il declino dell’Italia