in

Jesolo, quindicenne violentata: caccia allo stupratore nordafricano

Una notte di divertimento si è trasformato in un terribile incubo per una quindicenne in vacanza. A Jesolo, una delle mete turistiche più ambite del Veneto, una ragazza è stata stuprata sulla spiaggia nella notte tra mercoledì e giovedì. La giovane, residente in Friuli Venezia Giulia, si trovava nella località balneare assieme alla sua famiglia. Cerchiamo di ricostruire quanto accaduto.

La ragazza chiede ai genitori il permesso per uscire con un gruppo di amici del luogo. Una serata d’estate come tante. La giovane assieme agli altri passa alcune ore in un club della centralissima piazza Mazzini. Uno dei punti di riferimento della movida veneta. Qui viene adescata da uno sconosciuto. I due parlano, finiscono fuori dal locale. La giovane non sa che quel sudafricano che l’ha affascinata, con cui ha scambiato chiacchiere e sorrisi, si rivelerà il suo stupratore. Una passeggiata romantica diventa la più terribile delle esperienze. Arrivati in spiaggia si consuma la violenza. Passano le ore, gli amici non vedendola, cominciano a cercarla. La trovano all’alba, lì dove è avvenuto lo stupro. Sola, sotto shock e spaventata la ragazza viene soccorsa dagli amici e da un passante che aveva sentito le urla della giovane, a violenza già avvenuta. Immediatamente viene chiamata l’ambulanza. La vittima viene trasportata dal 118 al Pronto Soccorso. All’ospedale di San Donà di Piave (Venezia) viene confermata la violenza.

Immediate anche le ricerche del suo aggressore. Purtroppo di lui nessuna traccia. Da quella maledetta notte le forze dell’ordine indagano alla ricerca del nordafricano. Una volta ripresa dal trauma la ragazza sarà ascoltata dagli inquirenti: saranno importanti i dettagli che la friulana sarà in grado di fornire. L’uomo è accusato di violenza sessuale su minore. A Jesolo, intanto, è rabbia mista ad incredulità: purtroppo nel fine settimana la città è affollata di turisti, ma anche di malintenzionati. Da cittadina di mare si trasforma, suo malgrado, in un un teatro di spaccio di droga e violenza a cielo aperto.

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Manuela Bailo accoltellata alla gola dall’amante: ecco la verità sul delitto

Caltanissetta auto contro camion: sterminata un’intera famiglia