in

Jessica Faoro accoltellata 85 volte: perché il tranviere Garlaschi ha infierito fino a tal punto sul suo corpo

Omicidio Jessica Faoro condanna Alessandro Garlaschi: giochi erotici che voleva fare con lei. Il rifiuto della giovane, esasperata dalle sue continue avances, ha fatto scattare nell’uomo, 39enne all’epoca dei fatti, la incontenibile furia omicida i cui effetti ormai tutti conosciamo. Il tranviere si è voluto vendicare. Ha voluto punire la povera Jessica ‘rea’ di averlo respinto.

delitto via brioschi

A tre mesi dalla condanna all’ergastolo arrivano le motivazioni della sentenza: quella di Garlaschi è stata una “lucida volontà criminale” esplosa in “tutta la sua brutale violenza” per il “rifiuto” di Jessica Faoro di “intrattenere (…) i giochi erotici da lui pretesi”. Con un coltello l’uomo ha infierito sulla 19enne, martoriando il suo corpo con 85 coltellate, per poi tentare di dare alle fiamme il cadavere. L’efferato delitto avvenne la notte del 7 febbraio 2018 nell’appartamento di via Brioschi a Milano dove Garlaschi abitava con la moglie (presentata a Jessica come sua sorella), che la sera stessa l’uomo si adoperò ad accompagnare dalla suocera affinché la notte potesse stare solo in casa con Jessica, ospite della coppia, che in cambio di vitto e alloggio svolgeva per Garlaschi dei piccoli lavoretti. Aveva pianificato tutto per poter mettere in atto il suo obiettivo perverso.

Giovane ma con un passato già molto complicato. Questa la breve vita della sfortunata Jessica, finita tra le mani di un assassino perché non sapeva dove andare e, pur di essere autosufficiente e mantenersi da sola, accettò il lavoro del suo aguzzino che aveva risposto ad un annuncio online da lei pubblicato. Madre di una bambina di 3 anni data in adozione, Jessica Faoro aveva vissuto per anni in alcune comunità alloggio per minori. Una volta raggiunta la maggiore età aveva provato a diventare autonoma e costruirsi un futuro. Purtroppo il destino con lei è stato davvero crudele.

Potrebbe interessarti anche: Jessica Faoro: telefonata scioccante al 112 una settimana prima di essere trucidata da Alessandro Garlaschi

 

Rissa in volo per un «paio di scarpe»: aereo Ryanair costretto ad un atterraggio d’emergenza

Imane Fadil, Vittorio Sgarbi confessa la verità sulle feste bunga bunga: «Non saranno state cene eleganti, ma…»