in ,

Jobs Act, sì agli ultimi decreti attuativi: novità su ammortizzatori sociali, dimissioni e controlli a distanza

La riforma del mercato del lavoro si è conclusa oggi con l’approvazione degli ultimi quattro decreti attuativi del Jobs Act: vediamo insieme le principali novità volute dal Ministro del Lavoro Giuliano Poletti.

Controlli a distanza: potranno verificarsi rispettando la privacy del lavoratore, anche se non è necessaria l’autorizzazione sindacale o del ministero per controllare cellulare e tablet, ma solo per le telecamere. Occorrerà comunque “un’informativa preventiva e completa al lavoratore” e non sarà possibile montare su cellulari e tablet strumentazioni con funzioni di controllo.

Ammortizzatori sociali. Potranno usufruirne 1,4 milioni di lavoratori in più, e precisamente quei lavoratori impiegati in aziende dai 5 ai 15 dipendenti che precedentemente non potevano accedervi. La Naspi – sussidio a sostegno della disoccupazione involontaria – avrà una durata di 24 mesi.

Dimissioni. I decreti attuativi, così come spiegato da Poletti, prevedono un modulo apposito per le dimissioni, numerato e datato, che potrà essere scaricato solo dal portale ufficiale del Ministero del Lavoro: soluzione pensata per mettere la parola “fine” alle lettere di dimissioni firmate “in bianco”.

Gigi Cagni esonerato

Calcio Sampdoria Ultimissime: il vice allenatore Cagni esonerato

Made in Sud, Gigi e Ross: “Stiamo girando un film con Alessandro Siani”