in

Josh Brolin in rehab ha deciso di curarsi (Video)

Genio e sregolatezza sono queste le parole che possono riassumere Josh Brolin. il divo statunitense che ha lavorato “Nella valle di Elah” di Paul Haggis, “American Gangster” di Ridley Scott, “Non è un paese per vecchi” dei fratelli Coen, “Milk” di Gus Van Sant e “W” di Oliver Stone, solo per citarne alcuni,  ha preso una decisione importante. Stando a quanto comunica lo Us Weekly è voluto entrare spontaneamentein rehab’ o meglio in riabilitazione per abuso di alcool. Labor Day trailer


In questo momento il 45enne attore si trova in una struttura, protetto da occhi e orecchie indiscrete, nella California settentrionale dopo essere stato coinvolto, all’inizio di questo mese, in una rissa che ha avuto luogo all’interno dell’O’Brien’s Irish Pub a Santa Monica. Una fonte ha raccontato alla rivista su come sta Josh e qual è la sua attuale situazione sottolineando che si è reso conto di aver bisogno d’aiuto e impegnandosi a rimanere sobrio.

Questa responsabilità ed obbligo gli serviranno per i suoi prossimi impegni professionali e il primo, in ordine di tempo, sarà al cinema il 31 gennaio 2014 quando uscirà “Un giorno come tanti”  (titolo originale “Labour Day”) l’ultima pellicola di James Reitman con protagonisti Josh Brolin, appunto, e Kate Winslet. In questo film si racconta di una madre single e depressa Adele e di suo figlio Enrico che curano un uomo ferito e temibile che vaga vicino al supermarket dove Adele sta facendo la spesa. E mentre la polizia, in città, è a caccia dell’uomo evaso dal carcere, la madre e il figlio imparano man mano a conoscere la sua vera storia.

 

 

http://youtu.be/m_KkRRY0_I8

Seguici sul nostro canale Telegram

Dagli USA, uso cellulari in volo: a dicembre la decisione

C’è tanta sofferenza nel mondo, ridiamoci su