in ,

Julien cerca la mamma naturale su Facebook: “Voglio solo ringraziarti”

Lui si chiama Julien Chaumet, ha 26 ed è francese; ha una bella famiglia che lo ha cresciuto bene ma alla sua storia manca qualcosa, come il tassello di un puzzle. Julien infatti è nato da parto anonimo, sua madre ha richiesto che il suo nome non venisse inserito nella cartella del parto. Oggi Julien, malgrado abbia una bella vita e ami moltissimo la sua famiglia adottiva, vorrebbe trovare i suoi genitori naturali, in particolare sua madre e per farlo ha messo un annuncio su Facebook raccontando la sua storia. Il motivo per cui sta cercando la sua mamma naturale? Vorrebbe semplicemente ringraziarla per avergli fatto il più bello dei regali, la vita.

“26 anni fa, il 30 gennaio 1990 attorno alle 23 e 40 mi hai partorito a Bordeaux, in Francia, all’ospedale Pellegrin. Nel mio dossier c’è scritto che eri alta circa 1 metro e 57, che eri algerina. Avevi 19 anni e sembrava che non fossi arrivata in Francia da molto tempo. Mio padre, per come lo hai descritto, aveva circa 21 anni” scrive Julien sul suo profilo Facebook un post che solo dopo qualche settimana è stato condiviso da quasi 112 mila persone. “Oggi vi cerco o almeno cerco te (mamma) […] Non ti cerco per fare irruzione nella tua vita. Ti cerco per mettere un viso al posto di questo punto interrogativo. Ti cerco con il cuore pieno di tenerezza nei tuoi confronti”.

Quello di Julien è solo uno dei tantissimi casi di parto anonimo in cui la madre richiede di non essere rintracciabile; per 100 anni sono infatti disponibili per i figli nati in questo modo solo le informazioni sanitarie dei genitori, ma non quelle anagrafiche. In Italia dagli anni Cinquanta ad oggi sono circa 90 mila i casi di questo tipo. Oggi i social network danno una possibilità in più per trovare i propri genitori naturali e completare il puzzle della propria vita: Facebook farà il miracolo e permetterà grazie alla sua viralità e capillarità di far conoscere a Julien sua madre? Ma soprattutto lei vorrà conoscerlo?

ilaria capua prosciolta

Ilaria Capua prosciolta: la virologa veneta era stata indagata per ‘traffico di virus’

risparmio energetico

Risparmio energetico: come ridurre spese e sprechi in casa in maniera semplice