in

Justin Bieber: “Pregate per me”, l’appello ai fan mentre combatte la sua malattia

Solo qualche settimana fa si erano rincorsi i rumors secondo cui Justin Bieber, il cantante canadese idolo di migliaia di ragazzine, stesse affrontando una lotta personale contro la depressione. Il cantante, che non si trovava per la prima volta di fronte ad un periodo buio, ha subito iniziato le cure seguendo delle terapie quotidiane. Già nel 2017, infatti, Justin si era visto costretto a cancellare gli ultimi concerti della tournée proprio per questa subdola malattia e, in seguito, era stato lui stesso ad ammettere di aver fatto abuso di droghe, con conseguenti problemi sessuali che gli avevano provocato diversi disagi.

Justin Bieber, nozze rinviate per la depressione

Passata la tempesta, Justin Bieber era tornato a star bene e solo pochi mesi fa aveva sposato, in gran segreto, la modella statunitense Hailey Baldwin. Le nozze pubbliche, tra l’altro, avrebbero dovuto tenersi – con una cerimonia ufficiale tra parenti e amici – proprio tra fine febbraio e inizio marzo ma, i problemi di salute di Bieber, hanno costretto i due sposini a rimandare il matrimonio. Il cantante, però, ha tenuto a rassicurare i suoi fan parlando per la prima volta della sua malattia con un post su Instagram.

Justin Bieber, su Instagram l’appello ai fan

“Sto avendo molte difficoltà, mi sento super disconnesso e strano – ha scritto Justin Bieber sul suo account social – Mi riprendo sempre quindi non sono preoccupato. Volevo solo farmi sentire e chiedere a voi ragazzi di pregare per me. Dio è fedele e le vostre preghiere funzionano davvero, grazie. Sto affrontando la stagione più umana della mia vita”. Le parole del 25enne canadese hanno rassicurato i fan che hanno dimostrato al loro idolo tutto il supporto e il sostegno necessari.

Leggi anche —> Albano nella lista nera dell’Ucraina: “Una minaccia alla sicurezza nazionale”

Rosaria Cannavò Instagram: una doccia “bollente” per i suoi fan

Idraulico si finge ginecologo: arrestato in ospedale tra l’incredulità di colleghi e pazienti