in ,

Juventus, Higuain: ” Tante critiche su di me, ma mi fanno bene”

E’ un Gonzalo Higuain a tutto tondo quello intervistato dal Corriere dello Sera. L’attaccante della Juventus ha raccontato la sua lunga e tormentata estate, la sua vita privata, la sua gratitudine verso Napoli e l’approccio con il mondo bianconero. Ovviamente, un pensiero anche ai ragazzi della Chapecoense, scomparsi nel disastro aereo di Medellin. Quello stesso aereo che poche settimane fa aveva portato Gonzalo Higuain e i suoi compagni di nazionali  a Belo Horizonte per affrontare il Brasile. “E’ terribile quello che è successo, il mio pensiero va alle famiglie e ai pochi superstiti.”

Higuain è un ragazzo forgiato dalle difficoltà (meningite a 10 anni) ma che ha saputo realizzare i suoi sogni lottando e sacrificandosi. Così a 13 anni è sbarcato a Madrid dove è diventato uomo e calciatore. “Sono arrivato al Real grazie alla mia forza mentale che mi ha portato anche qui alla Juventus e che spero mi aiuterà a vincere tanti trofei. Voglio ricambiare la Juventus con tanti gol e vittorie per la fiducia che ha avuto in me.” Alla Juventus è tutto diverso: “Da fuori dici: sono forti! Ma poi quando li vedi rimani stupito: hanno vinto tanto e hanno ancora questa fame.”

=> LEGGI QUI TUTTE LE NEWS SULLA SERIE A

Un estate difficile per Higuain quando è stato il momento di salutare Napoli che tanto gli aveva dato: “A Napoli mi hanno dato tantissimo e mi hanno fatto crescere. Il non esultare è stato un segno di ringraziamento alla squadra, all’allenatore e ai tifosi: lo avevo già deciso primo della partita. Alla fine però ho esultato con i tifosi della Juventus perché lo meritano anche loro visto il rispetto e l’amore che mi stanno regalando.” Higuain ci tiene a precisare: “Mi hanno massacrato per tutta l’estate, dicevano che non stavo bene, che non ero in forma. Poi sono entrato contro la Fiorentina, ho segnato e per tutti ero di nuovo in forma. Troppe critiche, che però aiutano anche a crescere.” Il primo gol con la Juve una liberazione? “No, ho fatto più di 300 gol in carriera e come disse Van Nistelrooy i gol sono come il ketchup: quando lo spremi non esce niente, poi spremi ancora ed esce tutto in una volta…”

Seguici sul nostro canale Telegram

MORTO INVENTORE BIG MAC

Big Mac, morto l’italoamericano che lo inventò: Jim Delligatti aveva 98 anni

Saldi Estivi 2017 date

Saldi invernali 2017, quando iniziano da Milano a Napoli: i perché della data unica