in ,

Juventus news: Raiola sul caso Pogba, nessun accordo col Barcellona

Dopo un inizio di stagione sotto le attese, è sorto il caso Paul Pogba: il numero 10 della Juventus è finito nel mirino dei tifosi bianconeri che fino l’anno scorso lo consideravano un elemento imprescindibile per il futuro. Per Mino Raiola – procuratore del francese – Pogba non è affatto l’ombra di se stesso come vogliono far pensare tanto che non gli va giù la pioggia di critiche nei confronti del suo assistito: “È la malattia italiana di vedere le cose: l’anno scorso Paul veniva osannato ad ogni sua giocata, adesso viene fischiato anche se in pratica sta giocando allo stesso modo – è la dura accusa che l’agente muove ai tifosi juventini e continua – I tifosi forse dimenticano che Pogba è voluto rimanere alla Juventus nonostante le tante offerte che gli sono pervenute”.

La corrente di pensiero vuole che Pogba stia accusando il peso della maglia numero 10 che il francese – forse troppo prematuramente – ha scelto di indossare. Secondo Raiola il momento no di Pogba non dipende dal numero di maglia, ma dall’andamento della squadra di quest’anno che – secondo l’agente – ha meno in incidenza sul campionato: “Numero 10? Pogba è un campione che vive un momento difficile e va lasciato tranquillo. Come ha detto Nedved sta attraversando un periodo uguale a quello di tutta la squadra”.

Sul futuro di Pogba la posizione di Raiola è chiara: resterà alla Juventus, a meno che non ci saranno altre offerte che perverranno da qui alla prossima estate e che convinceranno la dirigenza bianconera. L’agente smentisce che si sia stipulato un eventuale accordo con il Barcellona: “Non c’è assolutamente alcun accordo con la Juventus. Chi eventualmente lo vorrà dovrà prima sedersi ad un tavolo con la Juventus. In estate erano in 4 su di lui, ma si è convinto a restare in bianconero”.

Il Segreto facebook 25 ottobre

Programmi Tv oggi, domenica 25 ottobre: Gran Premio degli Stati Uniti e Il Segreto

Pensioni riforma 2017 seconda fase Maurizio Landini Fare giustizia non cassa

Riforma pensioni 2016 ultime novità: pensione anticipata, Maurizio Landini chiede l’uscita a 62 anni