in

Karina Cascella Instagram, gambe spalancate e cucciolo tra le tette: «Che belle polpettine!»

Per qualcuno “Tenero”, per altri “Super hot”, lo scatto Instagram di Karina Cascella regala emozioni soggettive e differenti. Provocante è provocante: che ci sia o meno la malizia nell’immagine, il risultato è abbastanza stuzzicante. Complice anche la prospettiva (“Che prospettiva!”, si sottolinea tra i commenti), l’insieme che ne deriva è davvero appetitoso. Con tanto di apprezzamento da parte dei fan. Se i dettagli fanno la differenza, i particolari nella foto della Cascella non mancano di certo. E sanno come attirare l’attenzione.

karina cascella instagram

Karina Cascella Instagram, “Che cane fortunato”

L’immagine sull’account Instagram di Karina ritrae l’opinionista in macchina: seduta, con le gambe divaricate, la Cascella indossa una gonna molto corta che – salendo – scopre le cosce. Il cucciolo, appisolato sul corpo dell’ex di Salvatore Angelucci, abbassa con la zampetta il vestito, esponendo il decolleté a favore di camera. L’inquadratura dall’alto completa il quadretto. “Che tenerezza”, “Ma che amorino”, le attenzioni per il cagnolino si spostano ben presto sulla padrona, non prima di aver desiderato prenderne il posto. “Beato”, “Come la invidio…”, “Che cane fortunato”, “Bè scusami Karina ma invidio il tuo cagnolino”, “Volevo stare al posto del cane”. Poi una curiosità: “Ma il tuo cucciolo dorme o prende la tetta?”.

“Ogni dettaglio sprigiona bellezza”, eros alle stelle

Ironia a parte, i commenti sulle curve della Cascella non tardano ad arrivare: “Che sexy”, – si legge sotto il post Instagram“Sei di una bellezza sublime, complimenti”, “Ogni dettaglio sprigiona bellezza”, “Belle gambe”, “Cosce…”, “Vai cucciolo tira più giù la maglietta”, “Che gambe, che seni… infinitamente sexy”.

Leggi anche —> Alessia Marcuzzi ‘sbranata’ da Instagram: «Che brutto gesto… Vergogna!»

Nanni Moretti malattia: «Dopo vent’anni ho avuto un altro tumore!»

Michelle Hunziker, foto in montagna indigna i follower: «Non è vietato? Meriterebbe una multa!»