in ,

Karl Landsteiner, il doodle di Google ricorda lo scopritore dei gruppi sanguigni

Il doodle di Google di quest’oggi celebra Karl Landsteiner, biologo di origine austriaca celebre per aver scoperto i gruppi sanguigni: il colosso di Cupertino lo ricorda nell’anniversario della sua nascita avvenuta il 14 Giugno 1868.

Un medico dall’aspetto severo nel suo camice bianco, baffi importanti e una chioma oramai grigia: così il doodle di Google rappresenta Karl Landsteiner, il biologo e fisiologo scopritore – tra le altre cose – dei gruppi sanguigni. Karl Landsteiner – nato come Karl Landweesteiner – nacque il 14 Giugno 1868 a Baden, cittadina vicino a Vienna: il giovane Karl rimase a Vienna sino al 1891 quando, all’età di 23 anni, si laureò in medicina. Da quel momento in poi, Karl Landsteiner iniziò a lavorare in alcuni dei laboratori scientifici più importanti d’Europa: l’uomo, infatti, affiancò Emil Fischer – premio Nobel per la chimica – ma anche Eugen von Bamberg o Roland Scholl. Dalla laurea sino al 1901, il giovane uomo di scienza lavorò in moltissimi campi dando un contributo importantissimo allo sviluppo della medicina: ciò per cui viene ricordato, però, è soprattutto la classificazione dei gruppi sanguigni.

Il suo studio sui gruppi sanguigni iniziò nel 1901 quando suggerì che le caratteristiche che determinano i gruppi sanguigni sono ereditati e possono essere utilizzate per decidere i casi di paternità dubbia: il lavoro di Karl Landsteiner proseguì, spesso anche a New York, sino al 1909 quando classificò i gruppi sanguigni degli esseri umani in A, B, AB e 0. La scoperta e la classificazione dei gruppi sanguigni portò Karl Landsteiner ad ottenere il premio Nobel per la medicina nel 1930: i suoi studi continuarono sino al 1943, anno in cui morì per un attacco cardiaco che lo colpì mentre era in laboratorio.

Seguici sul nostro canale Telegram

silvio berlusconi intervento chirirgico

Silvio Berlusconi in sala operatoria: stamani l’intervento al cuore

caso piscaglia ultime news pomeriggio 5

Guerrina Piscaglia processo, pc padre Gratien: “Emerse nuove verità”