in

Keanu Reeves Regista con Man of Thai Chi

Keanu Reeves prova a crescere e si mette alla prova come regista. Il suo primo film si intitola Man of Thai Chi e, come è facilmente intuibile, il film è dedicato alle arti marziali.
Il protagonista è un giovane maestro di arti marziali che si ritrova invischiato in un giro di combattimenti clandestini all’ultimo sangue, incastrato da un uomo che vede nella sua abilità una fonte di soldi e vuole corromperlo.

Si tratta di una trama molto semplice, che non lascia troppo spazio all’immaginazione per concentrare tutta l’attenzione sul vero protagonista del film: il combattimento.
Infatti nella pellicola ci sono ben 18 scene di combattimento che durano complessivamente oltre 40 minuti. Inoltre il protagonista non è (per fortuna) Keanu Reeves appeso ai fili come in Matrix, ma un vero esperto di arti marziali, lo stunntman e attore Tiger Hu Chen.
Tiger è uno stuntman e attore famoso, che ha lavorato in molti film come La tigre e il dragone, Charlie’s angels e con Reevs proprio in Matrix.
Tiger è allievo del noto Yuen Wo Ping, regista e coreografo a sua volta, che ha contribuito a lanciare l’immagine di Jackie Chan con i film Snake in the Eagle’s Shadow e Drunken master.
L’aspirante regista si è avvalso per il suo film di un altro elemento preso dal film dei fratelli Wachowski , il coreografo Yuen Woo Ping.

Oltre a Tiger Hu Chen nel casto troviamo lo stesso Reevs nei panni dell’antagonista e Karen Mok (Shaolin Soccer).
Non cè ancora una data certa per l’uscita del film, probabilmente lo vedremo nelle sale quest’estate.

Ecco il trailer.

Written by Federico Elboni

Laureato in Lettere Moderne presso l'Università degli Studi di Pisa, appassionato di tecnologia (del mondo Apple in particolare), letteratura, psicologia e fotografia, amante del cinema e operatore cinematografico da anni, prima dell'avvento del digitale.
Su Urban Post si occupa di Cinema.
Lavora come project e content manager.

sabrina misseri news motivazioni sentenza

Ergastolo Cosima e Sabrina Misseri, parla Valentina Misseri: “Mio padre Michele è il colpevole”

Autoguarigione con i fiori di Bach